CNA ROVIGO Tutte le novità previste dall'accordo con l’associazione di categoria

Federmoda: rinnovato il contratto

CNA 730X90 SPECIALE Epasa Pensionati

Cna e Federmoda, prorogata al 30 giugno 2016 la lunghezza del contratto collettivo. Tra le aggiunte il diritto all'assistenza sanitaria integrativa anche per i lavoratori assunti con contratto a tempo determinato di durata almeno pari a 12 mesi


Rovigo - E’ stato rinnovato il contratto collettivo dell’area tessile moda, valido per le imprese artigiane, la cui vigenza contrattuale è stata prorogata di 6 mesi, fino al 30 giugno 2016.

Lo comunica in una nota Franca Targa presidente della Cna Federmoda che precisa che le normative contrattuali migliorate sono state le disposizioni in materia di apprendistato professionalizzante, incrementando il periodo di prova a 4 mesi e confermando le durate ulteriori ai tre anni previsti dalla normativa di legge, confermando le precedenti durate di 5 anni. A tal proposito, vale la pena ricordare che le disposizioni di legge (Testo Unico Apprendistato - D.lgs 167/2011) prevedono che la durata dell'apprendistato "non può comunque essere superiore a tre anni ovvero cinque per le figure professionali dell'artigianato individuate dalla contrattazione collettiva di riferimento.". Come evidente, tale disposizione non consente un automatismo e le durate vanno dunque tutte ricontattate, o confermate, durante i negoziati, come avvenuto in questo caso.

Per quanto riguarda la disciplina contrattuale del tempo determinato, a seguito del grande successo ottenuto con l'approvazione del Decreto Legge 34/2014 - avvenuta dopo che la CNA per oltre 2 anni ha chiesto di modificare la normativa in materia -  è stata negoziata la conferma dei limiti quantitativi disciplinati dal CCNL per le assunzioni. In particolare, per le imprese che occupano da 0 a 5 dipendenti, è consentita l'assunzione di 2 lavoratori a termine, mentre per le imprese che occupano più di 5 dipendenti, è consentita l'assunzione di un lavoratore con rapporto a tempo determinato ogni 2 dipendenti in forza. Con l'eliminazione delle causali, ribadita dal CCNL, viene data la possibilità di utilizzare le assunzioni attraverso i contratti a termine in maniera flessibile e rispondendo in maniera adeguata alle fluttuazioni del mercato evitando che l'utilizzo dello strumento possa sfociare in eccessivi contenziosi giudiziali.

A partire dal 1° agosto 2014, è stato contrattualizzato il diritto all'assistenza sanitaria integrativa anche per i lavoratori assunti con contratto a tempo determinato di durata almeno pari a 12 mesi. E' stato stabilito che il mancato rientro dalle ferie o dal periodo di malattia del lavoratore - entro 5 giorni dal termine del periodo di riferimento - venga considerato equivalente alle dimissioni volontarie, in quanto comportamento concludente.

Gli incrementi economici concordati per 42 mesi di vigenza contrattuale- in linea con gli accordi interconfederali vigenti - sono pari a 65 euro lordi al livello 3 da corrispondere in 3 tranche, l'ultima delle quali nel mese di maggio 2016.

Ad integrale copertura del periodo di carenza contrattuale (20 mesi) è stato riconosciuto un importo forfetario una tantum pari a  105 euro.

Rinnovato anche il CCNL TAC PMI, valido per le Piccole e Medie Industrie della Moda fino a 249 dipendenti.

Il CCNL che scadrà il 31 marzo 2017, prevede un riallineamento delle retribuzioni ferme al 2008 ed un primo aggiornamento di alcune normative contrattuali tra cui la disciplina dell'apprendistato professionalizzante. Nel mese di settembre sono previsti ulteriori incontri per ultimare l'aggiornamento delle ulteriori norme contrattuali.

E' stato contrattualizzato il diritto alle prestazioni erogate dagli enti bilaterali e dal fondo di assistenza sanitaria integrativa SAN.ARTI.

Ad integrale copertura degli oltre sei anni di carenza contrattuale (2008 - 2014) è stato riconosciuto un importo forfetario una tantum pari a 420 euro che sarà erogato in 4 tranches.

“Sappiamo che dobbiamo fare ancora molta strada per arrivare a tutti – conclude Franca Targa - ma abbiamo davvero le idee chiare e la preparazione per dialogare con chi ci amministra nell’interesse delle nostre imprese.”

 

4 agosto 2014
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

Beni Artistici Religiosi Fondazione Cariparo