PROVINCIA ROVIGO Guglielmo Brusco e Oscar Tosini, ex assessori provinciali, commentano le recenti elezioni provinciali che hanno visto la vittoria del centrodestra

Per palazzo Celio "fatale l’accordo del Pd con Ncd"

Seren automobili affiliazione nov-dic-gen 2017

Scelte sbagliate secondo Guglielmo Brusco e Oscar Tosini (foto a lato), ex assessori provinciali, quelle fatte dal Pd che per le elezioni provinciali del 12 ottobre hanno scelto oltre agli alleati del Psi anche Ncd rappresentato da Ivano Gibin e Antonio Laruccia e che ha visto la sconfitta del Pd alla Provincia. Secondo i due Garbellini poteva essere ancora eletto grazie ai voti dei consiglieri comunali di sinistra,  Rifondazione comunista e dell’Idv, che non sono andati a votare o hanno lasciato la scheda in bianco proprio per questo motivo


 

Rovigo - Sono passati 12 giorni dalle elezioni provinciali, con la vittoria del centro destra di Marco Trombini, ed ora Guglielmo Brusco e Oscar Tosini ex assessori provinciali hanno voluto dire la loro.

“I partiti che rappresentavamo in giunta provinciale, sono stati storicamente all’interno dei governi provinciali di centrosinistra, da molti anni. - commentano i due - La nostra presenza all’interno della giunta Virgili, aveva contribuito ad un’attività amministrativa che è stata molto importante per la nostra cittadinanza, tutta orientata al buon uso del denaro pubblico e ad aiutare particolarmente i ceti più deboli della nostra provincia. Nessun problema di convivenza all’interno del consiglio provinciale, né della giunta”.

Dopo questa esperienza si è arrivati alle elezioni provinciali, per le quali il Pd ha scelto, oltre che agli alleati del Psi, anche il Nuovo centro destra rappresentato da Ivano Gibin e Antonio Laruccia, “con il solo merito di sostenere il dannosissimo governo Renzi, contro il quale il 24 e 25 ottobre scenderanno in piazza milioni di lavoratori”. “Neanche una telefonata, neanche un incontro con  Rifondazione comunista e Idv, - continuano Brusco e Tosini - da chi evidentemente fa solo finta di essere di centrosinistra. Il sostanziale centrodestra di Garbellini e Julik Zanellato ha lasciato premeditatamente la sinistra e l’Idv fuori, salvo poi accorgersi che dal punto di vista numerico, forse aveva perso qualcosa”.

Non solo ha perso qualcosa, ma grazie anche a certi movimenti di voti, - affermano Guglielmo Brusco e Oscar Tosini - per i quali lasciamo i dirigenti del Pd fare le dovute analisi, ha perso la presidenza della Provincia, lasciata poco prima, grazie alle leggi di Renzi e dei suoi soci, dalla presidente Virgili. Altro che il Polesine rinasce, come diceva lo slogan di Garbellini (e certamente il Polesine della giunta Virgili non era morto, ma era vivo e vegeto). Il Polesine è passato invece al centrodestra, quello originale e non quello improvvisato dal Pd con il Nuovo centrodestra di Gibin e Laruccia”.

Ma nonostante questo e nonostante “certi tradimenti richiamati in alcuni interventi di autorevoli esponenti del Pd”, i due ex assessori fanno notare che Nicola Garbellini poteva essere ancora eletto: “Poteva esserlo grazie ai voti dei consiglieri comunali di sinistra, Rifondazione comunista e dell’Idv, che non sono andati a votare o hanno lasciato la scheda in bianco. Offesi da certi comportamenti i nostri consiglieri hanno fatto quello che dovevano e hanno risposto in modo dignitoso all’offesa ricevuta”. 

Brusco e Tosini precisano che chi non ha perso è il Nuovo centrodestra, che vede eletto Gibin, “ago della bilancia nel consiglio (si fa per dire) provinciale - concludono - e al quale pensiamo non dispiaccia l’elezione di Trombini a presidente. Una lezione che speriamo sia capita in tempi rapidi, anche in vista delle prossime elezioni comunali di Rovigo”.

24 ottobre 2014
CASA DI CURA SANTA MARIA MADDALENA




Correlati:

  • Il sindaco ha chiesto le dimissioni al suo “soldato"

    POLITICA ROVIGO Michele Aretusini, eletto in consiglio provinciale, sulla graticola. Il gruppo consiliare del Carroccio chiede l'impegno di un passo indietro. Lui prima accetta, poi "tradisce" la fiducia di Massimo Bergamin rivolgendosi a Renato Borgato

  • "Subito un nuovo consiglio, per capire se potete governare"

    CRISI DI MAGGIORANZA ADRIA (ROVIGO) Il direttivo provinciale del Pd adriese ha preso posizione: "Verificare in aula se c'è ancora una maggioranza, altrimenti agire di conseguenza"

  • Sono 14 i ragazzi polesani al corso di politica 

    FORMAZIONE ROVIGO Partite le lezioni sui linguaggi della politica di Liberamente Insieme rivolto. Il 13 gennaio in cattedra Renzo Marangon e Leonardo Raito

  • La Destra si ricompatta per essere più forte

    POLITICA ROVIGO Roberto Lazzaretti e Gianluca Masiero promuovono la partecipazione al congresso nazionale di Roma che porterà alla fusione tra La Destra di Storace e Azione Nazionale. “Creiamo un nuovo fronte sovranista”

  • E' stata una strategia fino all'ultimo voto

    ELEZIONI PROVINCIA ROVIGO 10 i consiglieri eletti. Accantonando le liste con cui si sono presentati per il voto sette sono dell'area di centrodestra e tre del Pd. Battuto il centro

  • Si affilano i coltelli per il voto tra i politici

    ELEZIONI PROVINCIA ROVIGO L'8 gennaio 2017 sono chiamati alle urne i consiglieri e i sindaci di 49 comuni per costituire il consiglio di Palazzo Celio

  • Rovigo prova l’assalto alla Provincia

    PALAZZO CELIO Pronte le liste da presentare entro il 19 dicembre per il rinnovo del consiglio provinciale del Polesine. Sono due: la squadra attuale del presidente Trombini con innesti e quella formata dal sindaco del capoluogo 

Brazzorotto 730x90