COLDIRETTI VENETO Il direttore provinciale di Coldiretti Rovigo Silvio Parizzi: “Soddisfazione per la partecipazione di cinque giovani polesani al concorso che valorizza le nuove idee dell’imprenditoria giovanile”

Premiati i giovani agricoltori più creativi con l’Oscar Green

Seren automobili affiliazione fino a dicembre 2017

Roncade (Tv) - È stata premiata questa mattina la creatività dei giovani agricoltori veneti con l’Oscar Green, il concorso bandito da Coldiretti giovani impresa per valorizzare e dare spazio agli under 40 che fanno innovazione in agricoltura. 

Ad aggiudicarsi la competizione, giunta alla decima edizione, sono stati i trevigiani Paolo Marangon dell’azienda agricola biodinamica Zolla 14 e Simone Serafin dell’azienda agricola Rinocciola, rispettivamente con la produzione di birra di radicchio ed olio di nocciola, che rappresenteranno il Veneto alla finale nazionale a Roma nel mese di settembre. Positivo il commento del direttore provinciale di Coldiretti Rovigo Silvio Parizzi, presente insieme ai giovani di Coldiretti Rovigo, al delegato Paolo Sartori ed al segretario Matteo Garbin alla premiazione a Roncade in H-Farm: “La nostra provincia è stata ben rappresentata, con progetti che danno una chiave di lettura innovativa a settori tra i più tradizionali, come allevamento e florovivaismo, ma anche vendita diretta, trasformazione e colture cerealicole, in un’ottica multifunzionale”. 

Il Polesine ha concorso con cinque giovani imprenditori che, pur non avendo ottenuto l’Oscar, porteranno avanti i loro progetti imprenditoriali innovativi: Andrea Zecchin, titolare dell’azienda agricola Galassa, che ha ampliato l’attività con l’allevamento di bovini frisoni, considerati di basso valore perché poco costosi ma legati alla tradizione rurale; Nicolas Fontana dell’azienda agricola Fontana che ha trasformato la sua attività, dal solo allevamento di suini alla produzione di insaccati, venduti direttamente dal macello al frigo, grazie alla creazione di un banco vendita, un laboratorio e una stanza di asciugatura e stagionatura dove si realizzano mezzene, tagli di carne, macinati e insaccati, secondo una ricetta manuale e tradizionale; Ilaria Paparella titolare dell’azienda agricola Ocarete che coniuga l’attività florovivaistica con quella esperienziale di giardino didattico ad alto contenuto tecnologico, offrendo un servizio innovativo agli utenti, adulti e bambini, che possono sperimentare in prima persona laboratori differenziati per argomento e fasce d’età, partecipando ad un vero e proprio viaggio interattivo tra le varie tipologie di giardino allestite; Filippo De Sero, titolare dell’azienda agricola Vivai De Sero con un progetto volto a fornire, mediante l’apprendimento e lo svolgimento delle operazioni manuali per la panificazione, un’opportunità lavorativa a persone svantaggiate e Sara Migliorini titolare dell’azienda agricola Rio, che si dedica alla produzione cerealicola, coniugando l’attività tradizionale con quella di formazione grazie alla scuola di musica che, con il metodo Suzuki, coinvolge i bambini, i neonati e le loro famiglie. 

25 luglio 2016
Bancadria 468x60




Correlati:

Bagno e Calore - Caminetti e Stufe