MUSICA E CULTURA ROVIGO Prosegue la battaglia, avviata dal senatore di Forza Italia Bartolomeo Amidei, per fare chiarezza sull'organizzazione di questi importanti organismi

"Futuro dei conservatori a rischio. Parlamentari in campo"

Seren automobili affiliazione fino a luglio 2017

Prosegue la battaglia avviata dal senatore di Forza Italia Bartolomeo Amidei, polesano di Loreo, che si fa portavoce delle istanze di tanti precari che lavorano nei conservatori italiani, inclusi quelli di Rovigo e Adria, vere e propri eccellenze del territorio



Rovigo - Sul fronte della battaglia per i Conservatori Bartolomeo Amidei, Emanuela Munerato e Diego Crivellari serrano i ranghi per chiedere un futuro di certezze per le istituzioni polesane e non solo.  

I parlamentari polesani, infatti, annunciano di voler portare avanti le istanze dei docenti precari dando seguito all'impegno ottenuto alcune settimane fa dall'ex viceministro al Mef, Enrico Morando. Mettendo da parte le divergenze di opinioni politiche, i tre hanno atteso l'ufficializzazione del nuovo esecutivo Gentiloni e il giuramento della nuova compagine di governo per dichiarare pubblicamente la "volontà di andare in fondo alla vicenda, insieme".

Sul piatto, oggi come allora, una situazione piuttosto ingarbugliata con tre diversi provvedimenti - la legge 508 del 1999, la legge 128 del 2013 e il disegno di legge 322 prossimo a sbarcare in aula - a fare da sfondo a uno scenario su cui insistono sia i precari, che chiedono l'assunzione a tempo indeterminato, che i cosiddetti "pareggiati" (docenti di istituti musicali privati e dunque non statali).

"Nelle prime settimane del prossimo anno - conferma Crivellari - sarà possibile incontrare la rappresentanza di Governo per sottoporre il problema e cercare di tracciare la possibile soluzione. C'è massima attenzione da parte del Ministero sul futuro delle istituzioni musicali nazionali e per quello che riguarda il Polesine è stata richiesta la massima urgenza. C'è una storia, una cultura e un'economia legata ai conservatori non irrilevante per il territorio: la questione - prosegue il deputato del Pd - non ha confini politici e per questo deve vedere il massimo sforzo da parte di tutti enti locali e rappresentanti istituzionali, per consegnare un solido futuro a queste realtà".

"Si tratta - chiude il senatore Amidei (Fi) - di una vicenda che travalica i confini provinciali dove preoccupa in primis la situazione del 'Buzzolla', storico conservatorio adriese. L'importanza di istituzioni come questa è fuori discussione per motivi culturali ma anche turistici e persino economici come più volte ho avuto occasione di sottolineare in aula e non solo. Chiediamo e chiederemo pure al nuovo Governo di tutelare non solo queste istituzioni con scelte precise e concrete ma anche e soprattutto gli insegnanti, diverse migliaia in Italia, che da anni attendono una regolarizzazione promessa ma mai effettivamente concretizzata finora".

23 dicembre 2016
Bancadria 468x60




Correlati:

Bagno e Calore - Caminetti e Stufe