RUGBY SEI NAZIONI 2017 UNDER 20 L’Italia chiude con una netta sconfitta in Scozia 38-17. Padroni di casa padroni del match già dai primi minuti 

Ultimo posto, ma le premesse erano diverse

Scozia - Italia Under 20 (foto Daniele Resini)
Cooking Chef Academy 730x90

Mai in partita, gli azzurrini chiudono male la competizione pagando forse la fatica dei precedenti incontri. Per la terza volta consecutiva l’Italia arriva ultima nel torneo


Glasgow (Scozia) – Il sintetico del Broadwood Stadium di Glasgow si rivela amaro anche per l’Italia U20 di Orlandi e Troncon che, dopo il 14-12 subito dall’Italdonne poche ore prima, si arrende per 38-17 ai pari età scozzesi nell’ultima giornata del 6 Nazioni di categoria, chiudendo all’ultimo posto della graduatoria per la terza stagione consecutiva.

La partita si decide tutta nella prima mezzora di gara, dove Riccioni e compagni – colpiti a freddo dall’estremo scozzese Graham al terzo minuto di gioco – non riescono a concretizzare possesso e superiorità del proprio pacchetto per mettere punti sul tabellone, concedendo invece poco dopo la mezzora la superiorità numerica ai padroni di casa (giallo al flanker Lamaro) e, una manciata di secondi dopo, la meta del 14-0.

La frustrazione prende il sopravvento e, subito prima del riposo, Bianchi lascia i suoi in tredici per un placcaggio alto in ritardo sull’apertura Henderson, sanzionato con il giallo dopo l’intervento del TMO: la punizione che ne segue manda gli scozzesi al riposo sul 17-0.

Si riparte, ed in soli cinque minuti la Scozia chiude i conti con due turn-over che tagliano definitivamente le gambe agli Azzurrini: al primo minuto Trussardi si fa intercettare dal numero otto Dodd cercando di aprire il gioco a metà campo, con l’avanti scozzese che vola in mezzo ai pali; al quinto minuto, su palla persa al breakdown a pochi metri dalla linea di meta avversaria, l’Italia si espone alla corsa di novanta metri lungo la linea di out del flanker Fagerson. Henderson, l’apertura highlander, non sbaglia un colpo ed è 31-0.

Tra il 12’ e la mezzora, l’Italia si riscuote improvvisamente, mettendo in mostra tutte le proprie qualità: prima capitan Riccioni timona oltre la linea di meta un interminabile maul, poi ancora la testuggine italiana conquista una meta tecnica al ventiseiesimo a cui segue, subito dopo, una terza meta frutto della velocità di D’Onofrio, che all’ala semina due avversari per ricucire sino al 31-17.

Gli Azzurrini sognano la rimonta, si riversano ancora in attacco per ridurre ulteriormente il passivo ma proprio nel loro momento migliore un fallo in touche, dopo un tentativo di riconquistare l’ovale, costa il cartellino rosso a Maselli che trascina l’avversario diretto al suolo.

La Scozia ne approfitta subito per ristabilire le distanze e scacciare la paura con un’iniziativa personale dell’estremo Graham, alla seconda marcatura di giornata: è 38-17 e c’è ancora tempo per un cartellino rosso allo scadere per Manni, entrato da poco, per un fallo su punto d’incontro che lascia l’Italia in tredici nei secondi finali.

Glasgow, Broadwood Stadium – venerdì 17 marzo
6 Nazioni U20, V giornata
Scozia v Italia 38-17

Marcatori: p.t. 3’ m. Graham tr. Henderson (7-0); 32’ m. Simmers tr. Henderson (14-0); 40’ cp. Henderson (17-0); s.t. 1’ m. Dodd tr. Henderson (24-0); 6’ m. Fagerson tr. Henderson (31-0); 12’ m. Riccioni (31-5); 26’ m. tecnica Italia tr. Rizzi (31-12); 28’ m. D’Onofrio (31-17); 36’ m. Graham tr. Henderson (38-17);

Scozia: Graham; Nairn, McDowall, Greig, Trotter; Henderson, Simmers (16’ st. Shiel); Dodd, Fagerson, Flockhart; Hunter-Hill (cap), Craig (26’ st. Bain); Nicol (20’ st. Winning), Renwick, Thornton (12’ st. Bradbury)

all. Lineen

Italia: Cioffi (27’ st. Dal Zilio); Bronzini, Vaccari, Zanon, D’Onofrio; Rizzi, Trussardi (17’ st. Panunzi); Licata (27’ st. Manni), Lamaro, Bianchi (30’ st. Venditti Ga.); Cannone, Masselli; Riccioni (cap, 14’ st. Zilocchi), Rollero (19’ st. Fischetti), Rimpelli

all. Orlandi/Troncon

arb. Murphy (Irlanda)

Cartellini: 31’ p.t. giallo Lamaro (Italia); 40’ p.t. giallo Bianchi (Italia); 26’ s.t. giallo Winning (Scozia); 32’ st. rosso Maselli (Italia); 39’ st. rosso Manni (Italia)

 

 

 

 

18 marzo 2017
Bancadria 468x60




Correlati:

  • Al 12 banconi vince l’ex golden boy

    RUGBY TOUCH A Bassano del Grappa maxi torneo con tanti volti noti del campionato di Eccellenza. L’ex FemiCz Rovigo, Andrea Bacchetti, ha vinto con la squadra “Bar da Gigi” 

  • I Wallabies non fanno sconti

    RUGBY Una bella Italia evidenzia lacune difensive che l’Australia sfrutta (40-27). Negata una meta regolare a Budd in avvio, ottimi segnali dalla mischia. Tour nel Pacifico che si chiude con tre sconfitte

  • Palla ovale, ma soprattutto spirito di gruppo

    RUGBY GIOVANILE Camp giunto alla settima edizione a Badia Polesine aperto a ragazzi e ragazze. Spazio anche a momenti ludici e conviviali ed una serata speciale dedicata al Tour dei Lions in Nuova Zelanda 

  • Rimpatriata di ex

    RUGBY ECCELLENZA Per l’11° Trofeo Adriano Pedrini di Badia Polesine squadre di lusso del massimo campionato italiano. Rovigo, Petrarca Padova, Viadana, Reggio, Medicei e il Valsugana (Serie A) dell’ex Polla Roux

  • Nella città etrusca partita inaugurale al Bettinazzi

    RUGBY ADRIA (ROVIGO) Un sabato in cui il vicesindaco Simoni ha anche provato le touche, festa ovale per rilanciare il progetto e coinvolgere il bassopolesine

  • Pressione non solo sugli azzurri

    RUGBY Sabato 24 giugno a Brisbane, alle 7 ora italiana con diretta su Sky Sport, l’Italrugby affronta l’Australia. La squadra di Conor O’Shea ha già collezionato due sconfitte con Scozia e Fiji

  • Zebre: ritorna tutto in mano alla Fir, ma lo era già

    RUGBY PRO12 A Parma che non tirasse una buona aria era noto da tempo, ma la federazione ha ufficializzato la chiusura della società privata e il reintegro delle Zebre. Rovigo deve trovare un accordo con il Benetton per non rimanere fuori dai giochi

Bagno e Calore - Caminetti e Stufe