VADO SICURO 2017 Premiati i bambini delle scuole dell’infanzia e primarie per il percorso fatto a scuola sulla promozione della sicurezza stradale 

Con le regole più sicuri e felici

Bagno e Calore - Caminetti e Stufe

Premiati i bambini dell’infanzia e delle primarie con menzioni speciali, buoni acquisto e giochi per i lavori svolti assieme alle insegnanti incentrati sulla sicurezza stradale grazie all’iniziativa Vado sicuro 



Rovigo - Educare i bambini già da piccoli a come ci si deve comportare per la strada in modo tale che possano essere dei cittadini rispettosi delle regole per rispettare gli altri. E’ su questo ideale che si snoda il progetto Vadosicuro che ha accompagnato per l’anno scolastico 2016/2017 di circa 2000 studenti della provincia di Rovigo e che in questi 14 anni ha dimostrato di essere uno strumento importantissimo per l’educazione stradale in Polesine. 

I dati riferiti alla Polizia Stradale di Rovigo ci dicono che per il quinquennio 2011/2016 ha segnato un trend, per ogni tipologia di evento infortunistico, in continuo miglioramento con cali consistenti, anche a doppia cifra percentuale nell’ultimo biennio, che ha segnato, al 31 dicembre 2016, un -6,49% rispetto al 2015, nonostante il lieve aumento dei sinistri con esito mortale e con lesioni rispetto al 2015; aumento degli incidenti con “esito mortale” (+1), aumento degli incidenti “con feriti” (+12); diminuzione degli incidenti “senza feriti” (– 21).

 

Oggi gli alunni delle scuole polesane dell’infanzia e primarie che hanno partecipato all’edizione 2017 di Vado Sicuro hanno ricevuto il ringraziamento di tutto il territorio per la loro sensibilità verso il tema della sicurezza stradale.

Presenti i rappresentanti dei tanti soggetti che da anni sostengono Vado Sicuro: Cristiano Corazzari, assessore regionale al territorio, cultura e sicurezza il quale ha affermato come “questo progetto a tutti i numeri per diventare una esperienza pilota a livello regionale”, Adriano Gambetta, responsabile della Base di Terra di Adriatic Lng, il tenente della Gdf di Rovigo Enrico Caputo, il maggiore Carmelo Casella ed il brigadiere capo Giorgio Bertoni per i Carabinieri di Rovigo. Non sono mancati poi Gianpaolo Sprocatti, Daniela Corradin, Lorenza Gallo, Antonio Argenziano, Marco Cavallaro. In rappresentanza del mondo dello sport: gli atleti Francesco Tiberio e Lorenzo Davì del Nuovo Basket Rovigo, Manuel Buson e Giacomo Antoniazzi, rispettivamente dirigente e primo allenatore del Beng Rovigo Volley, Joe Van Niekerk, atleta della Rugby Rovigo Delta, che ha ricevuto un grande applauso di sostegno per l’appuntamento a Padova di domenica prossima, ma soprattutto per la frase “senza regole non si può vincere”

 

A fianco della Provincia di Rovigo c’è Adriatic Lng, società che da tempo contribuisce a valorizzare iniziative sportive, culturali ed educative in Polesine.“Siamo orgogliosi di aver accompagnato per mano i ragazzi del Polesine anche in questa 14^ edizione di Vado Sicuro, un progetto a cui partecipiamo dal 2009 e che nel corso degli anni ci ha appassionato sempre più sino a farci diventare, nel 2016, partner unico dell’iniziativa a fianco della Provincia di Rovigo. - spiega Adriano Gambetta - In Adriatic Lng tutti i dipendenti hanno un ruolo nel garantire la sicurezza sul luogo di lavoro; allo stesso modo anche Vado Sicuro è frutto di una sinergia tra istituti scolastici, istituzioni e privati. L’unione delle forze è la chiave del successo di questa iniziativa e costituisce un valore aggiunto per tutto il territorio”.

I bambini più piccoli hanno davvero dato il meglio per questa edizione: video, cartelloni, plastici ricchi di particolari, vere e proprie opere d’arte, realizzazioni a volte sorprendenti, se si pensa all’età degli autori, che grazie all’entusiasmo delle loro brave insegnanti hanno saputo realizzare lavori di grande precisione e fantasia. 

Per quanto riguarda le scuole d’infanzia il 1° premio (buono acquisto di 300 euro + set segnali stradali o Kit B per attività motoria) è stato assegnato alle scuole dell’infanzia di Castelmassa e paritaria Mamma Margherita di Rovigo; il 2° premio (buono acquisto di 250 euro) alla Bottoni di Papozze; il 3° premio (buono acquisto di 200 euro) alla Collodi di Bergantino. Menzione speciale per il lavoro realizzato alle scuole d’infanzia di Ceregnano, Stefano di Castelmassa, Vittorino da Feltre di Castelguglielmo, Vittorino da Feltre del Bornio di Villanova del Ghebbo, Casa Gioiosa Vittorino da Feltre Salara e Maria Immacolata parificata di Fiesso Umbertiano. Vincono un buono acquisto da 100 euro le scuole d’infanzia Garibaldi e Don Minzoni di Lendinara, De Amicis di Ca' Zen di Lusia, De Amicis di Occhiobello, Principe di Napoli di Rovigo, Fenil del Turco e di Buso. 

Invece delle scuole primarie il 1° premio (buono acquisto di 300 euro) è andato alla Pascoli e Samuele Donatoni di Rovigo, il 2° (buono acquisto di 250 euro) alla scuola primaria Manzoni di Bergantino e Dell'Amicizia di Mardimago ed il 3° (buono acquisto di 200 euro) a Martiri della Libertà di Pincara. La menzione speciale invece per il lavoro realizzato alla Vittorino da Feltre Adria, Pighin Lusia, di Guarda Veneta, Pascoli e Stella di Taglio di Po. Vincono un buono acquisto da 100 euro la scuola primaria di Castelguglielmo e Moro di Boara Polesine. 

18 maggio 2017
Bancadria 468x60




Correlati:

Musikè fondazione cariparo 730x90