INCORPORAZIONE POLESINE ACQUE IN CVS Interviene anche la consigliere dal Pd Giorgia Businaro sulla gestione del sindaco Massimo Bergamin della “partita” dell’acqua: "Queste condizioni erano già state concordate ben prima dell’improvviso risveglio del sind

“Magistrale voltafaccia"

Fondazione Cariparo Nuove Generazioni

Dopo l’intervento del suo compagno di banco Mattia Moretto (LEGGI ARTICOLO), sulla questione della fusione dell’acqua interviene anche Giorgia Businaro (Pd) che sbugiarda, punto per punto, il sindaco Massimo Bergamin su ciò che declama come vittorie del processo di fusione sottolineando come si tratti in realtà di punti noti da mesi, e contrattati dai sindaci del sì, e non certo da lui. “E allora perché tutta questa messa in scena?”



Rovigo - “Bisogna fare i complimenti al sindaco Massimo Bergamin: la sua capacità di utilizzare le parole è veramente notevole. È stato in grado di trasformare un voltafaccia clamoroso sulla questione fusione in una sorta di vittoria, decantando risultati che, in realtà, altro non sono che l’accettazione di condizioni poste sul tavolo da mesi da parte dei sindaci che hanno lavorato al progetto di fusione, verificandone nei dettagli la fattibilità”. Interviene sulla questione del progetto di aggregazione per incorporazione di Polesine Acque in Cvs anche la consigliera comunale del Pd, Giorgia Businaro che, con ironia, si complimenta con il sindaco per il magistrale voltafaccia. Sindaco contrario fino all’ultima assemblea intercomunale che permette l’approvazione di un progetto contestato fino a poche ore prima sostenendo che, al momento dell’approvazione, le condizioni fossero radicalmente cambiata, a favore del capoluogo. 

“Chi ha seguito da vicino l’evolversi della situazione sa bene che queste condizioni erano state concordate dagli amministratori nel corso di lunghe trattative e che il sindaco di Rovigo ne era informato già in occasione delle precedenti assemblee. Il ristoro in tempi rapidi di quanto dovuto da Polesine Acque alle amministrazioni comunali del Polesine era sul piatto da quattro mesi, la sede di Rovigo, che stava già trattando Polesine Acque, viene trasferita al nuovo soggetto che non ne ha mai proposto la chiusura, il personale è sempre stato garantito, per la governance ci sono sempre state disponibilità di modifica e per i primi esercizi era già previsto un accordo su presidenza e vicepresidenza per i due territori. Queste condizioni erano già state concordate ben prima dell’improvviso risveglio di Bergamin – continua Giorgia Businaro, ricapitolando tutti i punti che il sindaco di Rovigo, Massimo Bergamin, dichiara una vittoria, sottolineando come invece fossero condizioni già risapute da mesi – Un tira e molla durato quattro mesi, che non è stato altro che un cinema senza costrutto, con una decisione finale dovuta solo a misere necessità di equilibrio di maggioranza e all’impellente bisogno di reperire fondi a causa della sua improvvida gestione della questione lodo Baldetti. Niente a che vedere con una città che, anche a causa delle difficoltà dell’ente Provincia, ha necessità di identificarsi come vero capoluogo. Questo è solo il peggior esempio di gestione esistente e perennemente a rimorchio”.

“Il fatto che il presidente di Cvs Piergiorgio Cortelazzo (Forza Italia) sostenga il gioco del sindaco di Rovigo è cosa scontata e, provando a mettersi nei suoi panni, addirittura comprensibile: l’importante era il risultato, pervenire alla fusione, e, a risultato ottenuto, mantenere un atteggiamento che non pregiudichi ulteriormente i già precari equilibri all’interno della maggioranza che governa Rovigo. Ci permettiamo però un’amara risata nel constatare come, per garantire la continuazione di questa fallimentare esperienza di governo della città, gli alleati siano costretti ad assecondare il sindaco nelle sue manie di protagonismo. E un’ultima considerazione: l’aver rifiutato il dialogo con il gruppo di sindaci del proprio territorio e l’aver preteso di discutere direttamente con Cvs, in barba ad ogni basilare regola di rispetto istituzionale, non porterà sicuramente ‘fortuna’ al Comune di Rovigo”.

11 agosto 2017
Tecnostore Occhiobello 468x60




Correlati:

  • La liquidazione ai comuni dei crediti sull’acqua sarà più in là

    AGGREGAZIONE PER INCORPORAZIONE CVS E POLESINE ACQUE La fusione sarà operativa dal 1 dicembre, il credito vantato da Palazzo nodari non potrà essere erogato entro il 30 novembre come dichiarato dal sindaco Bergamin

  • Senza acqua per lavori giovedì mattina 

    SERVIZI GUARDA VENETA (ROVIGO) Il 16 novembre dalle 8.30 alle 16 mancherà l’erogazione in alcune vie del paese 

  • E’ nata la nuova società dell’acqua

    NASCE ACQUEVENETE  ROVIGO Completato l'iter burocratico davanti al notaio: ecco la neo società pubblica creata dalla fusione tra Polesine Acque e Cvs. Servirà oltre 500 mila cittadini. “Obiettivo investimenti e stop all'aumento delle tariffe”

  • Renzi snobba la città e va dritto a Bergantino 

    PARTITO DEMOCRATICO ROVIGO Una toccata e fuga nella stazione del capoluogo alle 14.35 per l’ex premier e segretario del Pd, giovedì 9 novembre. Poi si sposterà subito in pullman verso il Distretto della giostra

  • Seppellita l’ascia di guerra, il Pd ritorna unito 

    PARTITO DEMOCRATICO ROVIGO Presentata ufficialmente la candidatura unica di Giuseppe Traniello Gradassi alla guida del partito polesano. Il congresso si svolgerà nella prima decade di dicembre. “Oggi abbiamo raggiunto la maturità”

  • Il treno di Renzi si fermerà qui 

    PARTITO DEMOCRATICO ROVIGO Anche la nostra provincia sarà tappa del tour del segretario nazionale del Pd. Matteo Renzi arriverà in stazione giovedì 9 novembre, presumibilmente nel pomeriggio

  • Sette ore senz’acqua per lavori alla rete

    SERVIZI POLESINE Martedì 7 novembre dalle 8.30 alle 16 in alcune vie di Guarda Veneta l’acqua sarà torbida a causa di interventi di programmati sul sistema acquedottistico 

Bagno e Calore - Caminetti e Stufe