AMBIENTE DELTA DEL PO (ROVIGO) Lunedì 4 settembre alle ore 20.45 il Pd di Porto Tolle ha organizzato un incontro presso la sala della musica sul tema del nuovo disegno del territorio 

Parco unico, un momento per condividere le esperienze 

Bancadria 730x90 Cna Rovigo

Chi vive nel parco non deve subire nessuna imposizione ed il nuovo Ente deve nascere con la condivisione: è su questo obiettivo che si basa il concetto del Partito democratico di Porto Tolle in collaborazione con i circoli dei nove comuni del Delta del Po Veneto sul tema del Parco unico. Proprio per questo è stato organizzato un incontro il 4 settembre alla quale parteciperanno i protagonisti principali della vicenda che coinvolge le comunità bassopolesane, preoccupate di non essere ascoltate 



Porto Tolle (Ro) - Il Partito democratico di Porto Tolle in collaborazione con i circoli dei nove comuni del Delta del Po Veneto ha organizzato per lunedì 4 settembre alle ore 20.45 presso la sala della musica, un incontro pubblico sul tema “Aree interne, parco unico del Delta del Po e modifica della legge 394/91 da disegnare con il territorio”. 

Per questa riforma della legge sui parchi e la strategia delle aree interne va l’appello del Partito locale, ai propri esponenti nazionali e regionali, affinché il ruolo del territorio sia fondamentale e assolutamente prioritario in conformità dei piani di sviluppo locali e nell’assoluto rispetto delle attività produttive e tradizionali.

Per la delega al Governo all’istituzione di un unico Parco comprendente le aree del perimetro Veneto e, quelle dell’Emilia Romagna, con l’intento mettere assieme le potenzialità e le specificità delle due Regioni, potrebbe essere un passo avanti a patto che siano coinvolte le comunità locali e venga del tutto abbandonata l’ipotesi d’istituzione di un Ente che si configurasse nella sostanza a un Parco a gestione nazionale, idea che trova nel Coordinamento del Pd del Delta ferma contrarietà. 

Questo e altri concetti fondamentali fra quelli di non ampliare gli attuali confini e alla creazione di nuovi vincoli oltre a quelli esistenti, che danneggerebbero e penalizzerebbero le attività tradizionalmente esercitate nel Delta (acquacoltura, agricoltura, caccia, pesca, turismo e vallicoltura), saranno espressi formalmente durante la serata. 

Nell’occasione interverranno l’onorevole Enrico Borghi: relatore della legge di riforma dei Parchi, l’onorevole polesano del Pd Diego Crivellari, depositario di un progetto di legge per la tutela del Delta del Po e sostenitore del Parco Unico, l’onorevole Alessandro Bratti, presidente della Commissione d’inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali, Marcella Zappaterra consigliere regionale Pd delegata Mab Unesco per l’Emilia Romagna, Graziano Azzalin consigliere regionale veneto Pd polesano, il sindaco di Porto Tolle Claudio Bellan e Massimino Zaninello segretario locale del Pd.

29 agosto 2017




Correlati:

Elezioni Diego Crivellari 730x90 Alternanza