IL CASO A LENDINARA (ROVIGO) Ennesima diffida del Comitato Lasciateci Respirare e dell'Associazione Terre Nostre

Prosegue la battaglia contro la pista da cross

Seren automobili affiliazione fino a dicembre 2017

Una nuova diffida, inviata al Comune, al sindaco e alla giunta di Lendinara, e alla Provincia per tornare sulla questione della pista da cross di Pradespin sul tema della pista da cross di Pradespin, costruita secondo le contestazioni abusivamente e oggetto da una ordinanza di demolizione nell'estate del 2016 (LEGGI ARTICOLO), per la quale è stata proposta ora una variante urbanistica che sarà discussa in consiglio comunale, volta alla riapertura (LEGGI ARTICOLO)



Lendinara (Ro) - Quella pista non si deve riaprire, così come non si devono autorizzare progetti che possano condurre "a un aggravamento delle lamentate condizioni di insalubrità ambientale". Questa la richiesta messa nera su bianco dal Comitato Lasciateci respirare di Lendinara e dall'Associazione Terre Nostre del Veneto. Una diffida inviata a Comune, sindaco e alla giunta di Lendinara, e alla Provincia di Rovigo e, per conoscenza, alle forze dell'ordine e alla Procura. 

L'argomento è sempre quello della pista da motocross realizzata in località Pradespin, secondo questa ricostruzione abusivamente, tanto che nell'estate del 2016 il Comune aveva rilevato l'abuso ed emesso una ordinanza di remissione in pristino dei luoghi. Nelle settimane scorse, è emerso come la proprietà avesse chiesto una variante urbanistica per potere riaprire. Questione che dovrebbe essere affrontata in consiglio comunale. In vista di questa scadenza, il sindaco aveva invitato le varie parti in gioco a cercare un accomodamento della vicenda, un punto di incontro.

Era stato organizzato anche un confronto, al quale però il Comitato non ha ritenuto di partecipare (LEGGI ARTICOLO), ritenendo che il fatto che la pista fosse abusiva costituisse motivo sufficiente a chiudere la questione una volta per tutte. Ora, però, emerge anche una diffida, inviata dal Comitato.

 

In questa viene elencata una lunga serie di problematiche che dovrebbe indurre a non autorizzare la riapertura della pista e la presenza di una serie di attività già impattanti sull'ambiente, come la vicinanza della discarica di Sant'Urbano.

13 settembre 2017
Tecnostore Occhiobello 468x60




Correlati:

Bagno e Calore - Caminetti e Stufe