PESCA ROVIGO Il corso organizzato dalla Provincia in collaborazione con Fipsas viene superato da 19 iscritti, che ora diventano Guardia ecologiche volontarie in materia di pesca

Ci sono 19 nuovi soldati nella “guerra" contro i predoni

Seren automobili affiliazione fino a dicembre 2017

Sono partiti in 30, sono arrivati in 19. Sono i polesani che hanno superato l'esame per diventare Guardie ecologiche volontarie, al termine del corso organizzato dalla Provincia di Rovigo, in collaborazione con Fipsas, Federazione italiana pesca sportiva e attività subacquee di Rovigo e al superamento dell'esame di fine corso



Rovigo - Forze fresche nella lotta al bracconaggio ittico. Una piaga che infesta il Polesine e che ha ricadute pesantissime, in termini di danni all'ecosistema fluviale e delle acque dolci della nostra provincia, del Veneto e di tutta Italia, alla luce dell'estensione di questo gravissimo fenomeno. Sono oltre 10 anni, ormai, che il Fiume Po, così come altri corsi d'acqua, sono teatro delle scorrerie di gruppi organizzati, generalmente costituiti da stranieri dell'Est Europa, che devastano l'ecosistema, prelevando tonnellate di pesce con mezzi proibiti, come reti lunghe centinaia di metri o energia elettrica.

A contrastare il loro operato ora, oltre alle forze dell'ordine, ci saranno anche le 19 guardie ecologiche volontarie in tema di pesca, fresche di "diploma" conseguito al termine del corso.

10 ottobre 2017
Tecnostore Occhiobello 468x60




Correlati:

Fondazione Cariparo Nuove Generazioni