FUSIONE DEI COMUNI PROVINCIA ROVIGO Cna Rovigo, Confartigianato Polesine, Cia, Coldiretti Rovigo, Confagricoltura Rovigo, Confindustria e Confesercenti Rovigo approvano il processo tra i comuni di Frassinelle Polesine e Polesella

Il plauso delle associazioni: “Processo indispensabile"

CNA 730X90 SPECIALE Epasa Pensionati

Lo ritengono un processo indispensabile la fusione tra comuni le associazioni di categoria del territorio di Rovigo approvando di fatto ciò che stanno portando avanti Frassinelle Polesine e Polesella



Rovigo - Approvano in toto il processo di fusione tra i comuni di Frassinelle Polesine e Polesella le associazioni di categoria Cna Rovigo, Confartigianato Polesine, Cia, Coldiretti Rovigo, Confagricoltura Rovigo, Confindustria Venezia - Area Metropolitana Venezia-Rovigo e Confesercenti Rovigo. 

"Il tema dell'unificazione - si legge nella nota - o aggregazioni funzionali di servizi tra Comuni si impone oggi ancora di più nel momento in cui la crisi sta radicalmente modificando, molto spesso aggravando, lo stato sociale delle comunità. A nostro avviso è un processo indispensabile, quello di accorpare e mettere assieme più Comuni dello stesso ambito territoriale. Le aumentate difficoltà dei comuni, che si manifestano nella ormai cronica riduzione delle risorse disponibili e la necessità di ricavarne almeno un po' attraverso una maggiore efficienza a minor costo, è una esigenza diffusa. Noi che rappresentiamo il mondo delle piccole e medie imprese, vogliamo essere partecipi e fautori di questi cambiamenti”.

Le associazioni fanno presente come “è di questi giorni il risultato di una ricerca che dimostra come anche una piccola impresa deve sostenere ogni anno 22 adempimenti (dall'Iva alla Tari all'Irap, all'Imu alla pubblicità Mud e via di seguito) con un obbligo operativo di oltre 70 scadenze, una ogni tre giorni lavorativi, un sistema insostenibile”.

“Con la fusione dei Comuni, vi è la possibilità che questi adempimenti diminuiscano ma soprattutto che si snelliscano e diventino uguali per ogni territorio. - commentano - Allora la proposta va perseguita avendo però chiaro che: unire i Comuni non annullerà le identità ed il senso di appartenenza alle singole comunità, anzi sarà l'occasione affinché le diverse identità crescano, si rafforzino e si affermino nel panorama provinciale”

30 novembre 2017




Correlati:

Fondazione Cariparo Culturalmente