ELEZIONI POLITICHE 2018 ROVIGO Liberi e Uguali ha scelto i candidati per camera e senato, tutti ampiamente condivisi tranne uno: l’ex presidente della Provincia ed ex sindaco di Fratta, Tiziana Virgili

Prima lo scontro, poi i sorrisi. Otto candidati, una divide

Cooking Chef Academy 730x90

 A comporre il puzzle definitivo delle liste per le elezioni politiche del 4 marzo sarà il regionale, ma nel frattempo l’assemblea provinciale di Liberi e Uguali ha scelto i suoi candidati per Camera e Senato. Da una rosa di 12 nomi (LEGGI ARTICOLO), la neoformazione che si candida a rappresentare la "vera" sinistra ne ha scelti otto, quattro uomini e quattro donne, ma con una sorpresa che non tutti i presenti hanno gradito: tra i volti dei candidati spunta infatti Tiziana Virgili, ex presidente della Provincia, evidentemente spostatasi dall'area di centrosinistra vicina al Pd per sposare la causa di Liberi e Uguali



Rovigo – La discussione durante l’assemblea provinciale di Liberi e Uguali è stata decisamente accesa nel momento in cui, tra i nomi dei candidati che il partito polesano doveva scegliere per le Politiche 2018 è comparso quello di Tiziana Virgili. L’assemblea era a porte chiuse, ma dall’esterno non era difficile cogliere l’agitazione: si sentivano chiaramente i toni accesi di una parte dell’assemblea che al nome dell’ex presidente della Provincia ed ex sindaco di Fratta Polesine, storico rappresentante del centrosinistra moderato e di chiara appartenenza cattolica ha fatto un salto sulla sedia. 

Durante la mattinata di sabato 13 gennaio, nella sede dell’Arci, si è riunita l’assemblea provinciale di Liberi e Uguali, la nuova formazione che mira a rappresentazione la "vera" sinistra e che nasce dalla fusione di Sinistra Italiana, Articolo 1 - Mdp e Possibile.

 L'assemblea, oltre a discutere dei temi di queste elezioni politiche 2018, aveva anche il compito di scegliere, tramite votazione, i candidati da presentare al regionale che andrà poi a comporre le liste per Camera e Senato. Quattro uomini e quattro donne, ma a spiccare tra tutti è l’inaspettato volto di Tiziana Virgili, la cui candidatura, i coordinatori di Liberi e Uguali, Mirko Bolzoni, Sandro Quadrelli e Nicola Montani motivano così: “La sua disponibilità è di servizio. Non si tratta di una candidatura di comodo e lei stessa ha spiegato che la sua volontà è solo quella di mettersi al servizio di questa nuova formazione politica. Inoltre lei rappresenta il mondo cattolico che altrimenti farebbe fatica ad identificarsi in Liberi e Uguali”.

 Nessuna discussione invece sugli altri candidati scelti, un mix di esperienza tra volontariato, impegno civile, politico e sociale composto anche da volti nuovi. Per la Camera saranno candidati Remo Agnoletto, 60 anni, esponente dell’associazionismo; Tania Azzalin, 43 anni, ex assessore ai Servizi sociali con la giunta Giaccon a Porto Viro, esperta di politiche sociali e sanitarie; Cristiano Pavarin, 49 anni, esponente del comitato articolo 32 per la sanità e il sociale, fortemente impegnato per la continuità assistenziale nelle case di riposo; Lucia Pollato, 38 anni, avvocato, impegnata nella battaglia per a trasparenza politica e attenta alle questioni di genere; Sara Quaglia, 34 anni, fortemente impegnata nella battaglia dei diritti civili e impegnata sui temi dell’immigrazione. 

Per il Senato, invece, l’assemblea polesana di Liberi e Uguali ha scelto, oltre a Tiziana Virgili, Giancarlo Lovisari, 65 anni, ingegnere tra i fondatori di Articolo 1, più volte impegnato in diversi ruoli istituzionali a Villadose e Rovigo; e Andrea Cirillo, 45 anni, avvocato, esperto di diritto del lavoro e dell’immigrazione, impegnato in numerose battaglie civili.

13 gennaio 2018
rovigooggi.it informazione che non ti pesa 468x60




Correlati:

Beni Artistici Religiosi Fondazione Cariparo