LIBRI CEREGNANO (ROVIGO) Lunedì 15 gennaio alle ore 21 presso nella sala consiliare si terrà la presentazione del volume “Che dice la pioggerellina di marzo” di Piero Dorfles

Quelle semplici poesie che facevano venire gli occhi lucidi

Bancadria 730x90 Cna Rovigo

Un libro che raccoglie le poesie più diffuse sui libri delle scuole elementari e medie negli anni ’50, nelle quali dove venivano esaltati i valori della religione, patria, famiglia, conformismo, etica del lavoro, quello che verrà presentato lunedì 15 gennaio alle ore 21 a Ceregnano dal titolo “Che dice la pioggerellina di marzo” di Piero Dorfles



Ceregnano (Ro) - Sarà Claudio Garbato a presentare il volume “Che dice la pioggerellina di marzo - le poesie dei libri di scuola degli anni Cinquanta" con introduzione di Piero Dorfles, nella serata di lunedì 15 gennaio alle ore 21 presso la sala consigliare del Comune di Ceregnano.

Intere generazioni formatesi negli anni Cinquanta conoscono ancora a memoria i versi imparati a scuola, che siano opere di autori celebri o filastrocche dei "poeti dei banchi", i quali scrivevano appositamente e unicamente per i testi scolastici: Pezzani, Novaro, Ada Negri, Zietta Liù, Lina Schwarz, ma anche Diego Valeri, Moretti, Pascoli, Leopardi, Carducci e perfino D'Annunzio, accanto ai "patrioti" Bosi, Mercantini, Fusinato, Giusti. 

In questa antologia sono raccolte le poesie più diffuse sui libri delle scuole elementari e medie di quegli anni, che dimostrano la continuità culturale e pedagogica della Repubblica con il ventennio fascista. L'esaltazione dei valori quali religione, patria, famiglia, conformismo, etica del lavoro, propria del fascismo, prosegue infatti nel dopoguerra.

Il volume ha una struttura per sezioni che riprende quella dei sussidiari dell'epoca, con i temi: Famiglia, Affetti, Scuola, Religione, Patria, Lavoro, Povertà e rassegnazione, Storia, Natura e Giocose. L’iniziativa fa parte del Progetto ‘900 Passato prossimo dell’Arci di Rovigo, sostenuta dalla Fondazione cassa di risparmio di Padova e Rovigo.

13 gennaio 2018




Correlati:

Fondazione Cariparo Culturalmente