COMUNE ROVIGO La sostituzione del vicesindaco Ezio Conchi, nei modi e nei tempi, fa infuriare il coordinatore provinciale degli azzurri Piergiorgio Cortelazzo. “Il vice deve essere dei nostri, esiste un patto pre-elettorale”

Il vicesindaco ė Saccardin, “Traditi gli impegni con Forza Italia”

Deltablues 2018
Il coordinatore provinciale di Forza Italia, Piergiorgio Cortelazzo, commenta la revoca dell’assessore azzurro Ezio Conchi (LEGGI ARTICOLO) con rabbia: “Bergamin non ha rispettato i patti, non doveva sollevare Conchi a 30 giorni dalle elezioni e tantomeno dare l’incarico di vice a Saccardin”
 
Rovigo – È un Piergiorgio Cortelazzo particolarmente infastidito il coordinatore provinciale di Forza Italia che rispondendo al telefono esordisce dicendo: “Ha fatto tutto lui di testa sua, gli accordi non erano questi e comunque si sarebbe dovuto rispettare una sorta di silenzio almeno fino al 4 di marzo per non falsare gli equilibri elettorali nel comune capoluogo, proprio ora”. Cortelazzo non ha per nulla gradito la revoca del vicesindaco Ezio Conchi da parte del sindaco Massimo Bergamin nei tempi e nei modi. Innanzi tutto perché arriva ad un mese dal voto per le elezioni politiche e poi perché la delega di vicesindaco è stata affidata ad un assessore, Antonio Saccardin, che non è di Forza Italia, come invece prevedevano gli accordi pre-elettorali.
 
“Apprendo invece con rammarico solo dopo la pubblicazione del decreto di revoca, e del successivo decreto di ridistribuzione delle deleghe di Ezio Conchi, che il ruolo di vicesindaco non è stato assegnato ad un assessore di Forza Italia – commenta Cortelazzo – Quindi Massimo Bergamin, con la scelta odierna, ha di fatto tradito il patto elettorale del 2015 con una forza politica che lo ha sostenuto sin dal momento della candidatura a sindaco”.
 
“Nulla di personale nei confronti dell’assessore Saccardin, ma una considerazione prettamente politica – conclude Cortelazzo – Ribadisco che gli eventuali nomi che circolano per sostituire Ezio Conchi non sono mai stati formalmente comunicati al primo cittadino dal sottoscritto in quanto tutta l’operazione di sostituzione del vice avremmo dovuto concordarla insieme e di certo non a 30 giorni dal voto delle elezioni politiche 2018”.
 
Le deleghe di Ezio Conchi sono state ridistribuite, come da decreto, così: ad Antonio Saccardin va il vicesindaco e attuazione e verifica del programma; a Susanna Garbo l’istruzione; a Alessandra Sguotti lo sviluppo economico; a Federica Moretti ambiente ed ecologia; a Luigi Paulon va la delega delle politiche per le frazioni e l’associazionismo mentre il sindaco terrà per sé i servizi demografici elettorale, statistica, sistemi informativi e protezione civile.
 
 
30 gennaio 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

Musikè Fondazione Cariparo 730x90 istituzionale - post evento