IL CASO A ROVIGO Un giovane di Giacciano con Baruchella si ritrova a processo accusato di numerosi casi di raggiri online: avrebbe promesso esemplari di varie razze, senza consegnarli

La truffa dei cuccioli finisce smascherata

Fondazione Cariparo come presentare i bandi fino al 28 febbraio 2018

Nell'elenco ci sono chihuahua, bovari del bernese, border collie: cuccioli dei quali il 23enne di Giacciano Con Baruchella avrebbe promesso, su un noto sito di compravendite, la consegna dietro il pagamento di somme nell'ordine dei 300 - 400 euro. Cessioni che però, nonostante i pagamenti degli acconti, secondo la tesi accusatoria non si sarebbero mai perfezionate



Giacciano con Baruchella (Ro) - E' un 23enne di Giacciano con Baruchella l'imputato in un procedimento in materia di truffe online, che gli vengono contestate per quella che, secondo la tesi accusatoria, sarebbe stata la sua attività: proporre in vendita online cuccioli di cani, intascare il pagamento dell'acconto, solitamente una somma sui 100 euro a fronte di un costo complessivo di 300 - 400, senza poi però consegnare mai l'animale.

Gli episodi contestati vengono collocati dal capo di imputazione tra fine 2014 e inizio 2015. In tre casi il raggiro avrebbe riguardato cuccioli di varie razze, nello specifico  chihuahua, bovari del bernese, border collie, mentre in altri due si parla di materiale tecnologico, come casse acustiche e una Playstation. Il modus operandi, comunque, non sarebbe cambiato.

L'udienza del processo si è tenuta nella mattinata di lunedì 12 febbraio, di fronte al giudice Silvia Varotto del Tribunale di Rovigo. Quando, in mancanza dell'avvocato difensore, è stato nominato l'avvocato Nicola Bergamini del foro di Rovigo. L'udienza è stata quindi rinviata al maggio prossimo.

12 febbraio 2018




Correlati:

Seren automobili affiliazione fino a dicembre 2017