EVENTI ROVIGO Prima assoluta dello spettacolo “Cenerentola” di Claudio Ronda che la Compagnia Fabula Saltica porterà in scena sabato 21 aprile alle ore 21 al Teatro Sociale

Una Cenerentola di oggi con le musiche di Rossini 

Beni Artistici Religiosi Fondazione Cariparo

Sabato 21 si chiude la stagione di danza Cenerentola con la compagnia Fabula Saltica la cui messa in scena è focalizzata sulla solitudine e la tristezza di Cenerentola, con una lettura in chiave moderna dove non manca il lieto fine


Rovigo - La stagione di danza del Teatro Sociale di Rovigo chiude con una prima nazionale: “Cenerentola” che la compagnia Fabula Saltica porterà in scena sabato 21 aprile alle 21. Evento clou della stagione che ha avuto molti consensi e che si chiude proprio con una messa in scena della rodigina compagnia Fabula Saltica diretta dal maestro Claudio Ronda. Uno spettacolo pop, come ha evidenziato Ronda, innanzitutto per le musiche “Gioachino Rossini era il musicista più pop dell'epoca ed è sempre attuale. Anche un compositore super moderno per i ritmi molto avanti per l'epoca. Abbiamo colto tutti i suoi aspetti cercando di trasferirli in questo spettacolo che alterna musiche composte da Simone Pizzardo. Inizialmente la messa in scena è focalizzata sulla solitudine e la tristezza di Cenerentola, con una lettura in chiave moderna dove non manca il lieto fine”. È ispirato ad una nuova visione della trama e dei personaggi il balletto “Cenerentola”, una storia italiana.

Nel proprio allestimento, Claudio Ronda “rovescia” il concetto dell’affermazione raggiunta solo nella sofferenza, e stabilisce invece una stretta relazione e una sintonia con la sensibilità, le conquiste sociali e personali, “l’aria” del nostro tempo. L'essenza della storia rimane, anche se la fata madrina diventa una abile sarta. Non ci sono però le zucche, né i topi disneyani. Invece della pantofola di vetro, c’è una giovane più vicina al mondo reale, non più una vittima ma una donna, consapevole protagonista delle proprie scelte. La Cenerentola di Ronda, seppure ancora subordinata rispetto alla matrigna e alle due perfide sorellastre, personaggi deliziosamente comici, conserva, intatta, la sua trasognata dolcezza, la grazia, il fascino e l'idealismo adatti al ruolo. Qualità che condurranno all’immancabile lieto fine. 

Il balletto è un sentito omaggio all’arte di Gioachino Rossini. Per la colonna sonora, Ronda utilizza pagine scelte da varie opere buffe del compositore pesarese: da “Il Barbiere di Siviglia”, “L’Italiana in Algeri”, “Il Turco in Italia” e la stessa “Cenerentola”. Sono tutte prive delle parti vocali, ma piene dell’ironia e dello smalto che celebrano ovunque il profilo e lo stile di Rossini: per il brillio dei ritmi, l’estrosità delle melodie, la cura dei particolari e della strumentazione. 

 

 

18 aprile 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

Musikè Fondazione Cariparo 730x90 istituzionale - post evento