INIZIATIVE ROVIGO Sabato 23 giugno alle ore 18.30 da piazza Matteotti parte la terza edizione della Pretty Run con due percorsi dedicati interamente alle donne 

Il fiume rosa invaderà la città

Musikè Fondazione Cariparo 730x90 istituzionale - post evento

Una terza edizione tutta rosa quella della Pretty Run di sabato 23 giugno, quest’anno dedicata solamente alle donne con l’obiettivo di donare il ricavato all'Aism – associazione italiana sclerosi multipla


Rovigo - “La fatica non è mai sprecata... soffri ma sogni”. Questa frase di Pietro Mennea, è stata usata come slogan  nella maglietta rosa della terza edizione della Pretty Run, riservata quest’anno solamente alle donne, che ha ottenuto il riconoscimento di corsa gemella dalla Pink run di Padova e Run for life di Ema. 

La corsa rosa dedicata al mondo femminile in programma sabato 23 giugno con partenza alle 18.30 in piazza Matteotti, quest'anno dedica il ricavato all'Aism – associazione italiana sclerosi multipla, in quanto è una malattia che colpisce la maggior parte il genere femminile. L'evento è promosso dall’Asd CorriXRovigo, rappresentata da Fabrizio Pizzardo e Filippo Tenan, rispettivamente presidente e vicepresidente, con il patrocinio e il sostegno del Comune di Rovigo.

“Si tratta di un evento di grande importanza dal punto di vista sportivo, sociale ed educativo. - afferma il vicesindaco ed assessore allo sport Andrea Bimbatti - Attraverso questa gara le partecipanti avranno modo di divertirsi e di conoscere zone della città magari spesso non vissute appieno. E' una bella manifestazione, particolare, con una finalità sociale e mi piace sottolineare lo slogan della maglia, che non vale soltanto nello sport ma anche nella vita quotidiana”. 

Ad illustrare i dettagli son stati Pizzardo e Tenan: due i percorsi da percorrere, uno più breve di 5 chilometri, l'altro più lungo di 10 chilometri. La quota di partecipazione è di 10 euro a persona, 5 euro per i bambini/e sotto i 12 anni, ed include la maglietta rosa ufficiale che tutte le partecipanti sono invitate ad indossare per creare un grande fiume rosa, oltre al pettorale e il ristoro finale.

Soddisfazione da parte di Emanuela e Silvia dell'Aism di Rovigo che che ritengono come “sportivi non significa esserlo solo esserlo fisicamente ma anche mentalmente. Siamo maratonete nella testa e nel cuore”. 

 

13 giugno 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

Deltablues 2018