Rovigo Oggi

Il meglio di 10 anni di Natalino Balasso al palasport 

CULTURA ROSOLINA (ROVIGO) Al via la seconda edizione della rassegna di musica e teatro “Sole d'Inverno” con il concerto Christmas Song dell’orchestra regionale Filarmonia Veneta

Christmas Song dell’orchestra regionale Filarmonia Veneta è il primo dei quattro appuntamenti della rassegna di musica e teatro “Sole d'Inverno” che vede anche uno spettacolo di trasformismo con Ennio Marchetto, un’operetta della compagnia Fantasia in Re e l’amatissimo Natalino Balasso 



Rosolina (Ro) - Per il secondo anno sorge “Sole d'Inverno”, la rassegna di musica e teatro a Rosolina organizzata dall’amministrazione in collaborazione con il circuito teatrale regionale Arteven. 

“Riscaldare il nostro territorio durante il lungo inverno con un ricco calendario di appuntamenti, è un'ottima occasione sia per dare rilievo alla cultura - afferma Anna Frasson assessore alla cultura del comune di Rosolina . che per vivere momenti di socialità, condivisione, crescita personale ed emozioni. Sole d'Inverno è una stagione teatrale adatta a grandi e piccini per la varietà di spettacoli proposti e sono certa che arriverà al vostro cuore. Vi aspetto numerosi per lasciarci incantare dalla magia e dallo stupore che il teatro sa dare quando si spengono le luci e si apre il sipario”.

La kermesse di appuntamenti accenderà i riflettori del Palazzetto dello sport di via Sambo ospitando grandi interpreti nazionali. Si comincia il 23 dicembre alle ore 21 con un regalo di Natale marcato Orchestra Regionale Filarmonia Veneta in scena con Christmas Song, le più belle canzoni di Natale interpretate dalla voce di Sonia Fontana, accompagnata dall’orchestra e da una band Pop. Nel programma, leggero e frizzante, si potranno ascoltare Happy Christmas di Lennon e Ono; Have yourself a merry little Christmas, White Christmas e tante altre meravigliose hit per festeggiare insieme con le note più amate di sempre. 

Si prosegue il 14 gennaio alle ore 18 con il grande trasformista Ennio Marchetto e il suo Carta Canta. Attraverso costumi di carta il veneziano Ennio Marchetto dà vita a uno spettacolo che è una vera Babilonia di musica, teatro e creatività. Non è facile spiegare cosa succeda esattamente durante un suo spettacolo. Ci sono dei costumi di carta che raffigurano grandi cantanti e personaggi italiani e stranieri; dietro c’è lui, straordinario performer, a dar loro vita ripetendo movenze e tic in un crescendo sempre più esilarante. Tina Turner, Mina, Liza Minelli, Marylin Monroe, Vasco Rossi, Madonna, Pavarotti, Lady Gaga, Arisa, Maria Callas, Marco Mengoni, Edward Mani di Forbice. Ma Carta Canta non è soltanto questo. Come per i più grandi trasformisti, la forza dello spettacolo consiste nella straordinaria velocità con cui Ennio Marchetto muove i costumi, li apre, aggiunge particolari disegnati e parrucche di carta, dando vita a uno spettacolo unico nel suo genere. 

L’11 febbraio alle ore 18 sarà invece il turno dell’operetta con Fantasia in Re impegnata in La Vedova Allegra storia spassosa di una dama d’altri tempi. Parigi, inizio del Novecento. All’ambasciata del Pontevedro si sta svolgendo la festa per il compleanno dell'amato Sovrano. L'attenzione è però concentrata sull'arrivo della giovane, bella e ricca vedova del banchiere di Corte, Hanna Glavari, il cui fascino, unito all'immensa eredità, ha stregato molti nobili signori parigini. Per salvare le casse del piccolo Stato, si deve procurare un marito pontevedrino alla ricca ereditiera, e il fatto che l’aspirante a tale compito sia proprio Danilo, un uomo di vita, non semplifica certo il piano dei diplomatici pontevedrini. 

Chiuderà la rassegna il 31 marzo alle ore 21 con la sua ormai celebre bravura l’amatissimo Natalino Balasso che con Stand up Balasso divertirà il pubblico di Rosolina. Sulla scena solo un microfono vintage, ancora con il filo, la luce fissa di un occhio di bue e lui, il comico, in piedi, altrimenti non sarebbe uno “stand up”. Non c’è nessun filo conduttore, in compenso c’è tanta comicità, il meglio di 10 anni di Balasso. Un concentrato di parole senza fronzoli, una carrellata di battute, monologhi tragicomici, modi di dire, ragionamenti sul filo dell’assurdo, riflessioni indignate contro il mondo e interpretazione dei difetti che appartengono a tutti noi. Più di due ore di zapping in puro stile Balasso, concentrato in un’unica performance che raccoglie tutti gli espedienti dell’Arte della Commedia. Una valanga verbale travolgente, scagliata contro il pubblico come un vero e proprio tsunami di comicità assoluta.

19 dicembre 2017