COMMEMORAZIONE 58 anni dopo la tragedia dell'alluvione si celebra l'eroismo dei fratelli Zanirato

"I Bina" salvarono dalle furia delle acque oltre cento anime

Tra ville e giardini 2018



Il sindaco di Rovigo Fausto Merchiori ha scoperto la targa celebrativa in onore dei fratelli Zanirato che con il loro altruismo salvarono decina di vite dell'alluvione



Rovigo - Grignano Polesine ha voluto ricordare i fratelli Antonio e Luigi Zanirato, detti Bina, con una targa celebrativa che attestante l'esempio di civico eroismo compiuto durante l'alluvione del 1951. La giornata commemorativa, voluta dall'amministrazione comunale di Rovigo, ha avuto inizio all'auditorium di San Rocco, dove il poeta dialettale Gianni Sparapan ha letto alcuni dei brani da lui stesso scritti, rievocanti le drammatiche ore prima, durante e dopo la tragica rotta del fiume Po, attraverso i racconti di alcuni degli scampati al tristemente noto “camion della morte” di Frassinelle Polesine. "Ci sono stati tanti eroi polesani mai raccontati dai giornali e dimenticati dalla nostra gente – ha sottolineato Sparapan – I fratelli Zanirato sono tra questi". I Bina riuscirono a mettere in salvo un centinaio di persone e proprio per questo loro grande gesto di altruismo, il Comune di Rovigo ha voluto apporre una targa in località Massin di Grignano, dove sorge ancora la loro casa natale. "A distanza di 58 anni abbiamo messo una “pezza” ad una grave dimenticanza – ha commentato l'assessore comunale alla toponomastica e urbanistica Luigi Osti – Episodi di generosità e solidarietà come quello compiuto dai fratelli Zanirato, devono essere per sempre nella memoria della nostra comunità, anche perché valori come i loro sono sempre più flebili nell'attuale società e quindi devono servire da esempio". Osti si è però rammaricato del fatto che a causa del blocco da parte degli Antichi Beni Originali, il cui presidente è Stefano Previatello, non si è potuto posizionare la targa al centro di Grignano ma distante circa tre chilometri. "Mi auguro che quanto prima possa essere superata questa incomprensione che si è venuta a creare, affinché la targa possa trovare una collocazione più centrale, come merita". Assieme a Osti a scoprire la targa erano presenti il sindaco di Rovigo Fausto Merchiori e il consigliere provinciale Gianni Nonnato, oltre ad alcuni familiari di Antonio e Luigi Zanirato. "E' questa una giornata importante e significativa per tutta la nostra comunità" ha affermato il primo cittadino.

Marco Scarazzatti
14 novembre 2009
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

  • ll bombardamento che distrusse mezzo paese

    20 APRILE 1945 LUSIA (ROVIGO) La commemorazione del bombardamento degli alleati che rase al suolo chiesa e castello Morosini e fece 74 morti. Giornata di riflessione per studenti e istituzioni

  • La grande alluvione da ricordare per sempre 

    ANNIVERSARIO OCCHIOBELLO (ROVIGO) Il sindaco Daniele Chiarioni ricorda la catastrofe del 14 novembre 1951 che devastò l’intero territorio depositando una corona in piazza Matteotti

  • “Terremoti e alluvioni, ci sono modi per difendersi”

    COMUNE ROVIGO Palazzo Nodari aderisce a “Io non rischio”: i volontari della protezione civile saranno in piazza Vittorio Emanuele II, sabato 14 ottobre, per spiegare come ridurre gli effetti delle catastrofi naturali

  • "Noi privilegiati che ricordiamo chi è morto per la nostra libertà"

    25 APRILE ROVIGO Consiglieri provinciali e comunali, forze dell’ordine in alta uniforme, associazioni combattentistiche e volontari: Palazzo Nodari e piazza Vittorio Emanuele II hanno ospitato le celebrazioni per la Liberazione dal nazifascismo

  • La città piange il sindaco dell'alluvione

    LUTTO AD ADRIA (ROVIGO) Se ne va Sante Tugnolo, il primo cittadino che affrontò l'alluvione. Cordoglio unanime nel mondo politico, ma anche tra la gente semplice che lo conosceva e amava

  • Un premio speciale per l'angelo del Grande fiume

    CERIMONIA POLESELLA (ROVIGO) Toccante proiezione del documento sull'alluvione. Arrivano a centinaia. Un riconoscimento a Valentino Giuriola, che ha salvato tante persone

  • "Seppellimmo papà e fuggimmo dall'alluvione"

    ALLUVIONE CASTELNOVO BARIANO (ROVIGO) Il ricordo di Bepina Malerba, oggi di 93 anni. "Salvammo il maiale in barca, dalla finestra. Ma era tanto spaventato che non mangiò più"