FORZE DELL'ORDINE La sicurezza del territorio in mostra per Oltre la Divisa

Un mese all'insegna della legalità

Baccaglini VW Service


Un intero mese dedicato alle Forze dell’Ordine e a tutti coloro che sono impegnati quotidianamente a garantire la sicurezza nel nostro territorio. Una iniziativa inedita, pensata per avvicinare grandi e piccoli a temi fondamentali per la convivenza civile



Sarà un mese davvero ricco di iniziative presso il Centro Commerciale Il Porto, che promuove  e ospita il progetto “Oltre la divisa”  e nasce dalla scelta di organizzare una iniziativa che abbia lo scopo di avvicinare i cittadini a quelle realtà, come le Forze dell’ordine, che sono impegnate quotidianamente nel garantire la sicurezza e la legalità nel nostro territorio. 
Un progetto rivolto in particolare  ai giovani, per educarli alla legalità, per far conoscere le regole che sono alla base della convivenza civile.
L’obiettivo è quello di offrire a bambini e ragazzi – e a tutti i cittadini - una opportunità per conoscere il valore di regole che spesso vengono concepite come limiti alla libertà, ma che sono invece indispensabili strumenti per la difesa della sicurezza di tutti noi; le Forze dell’Ordine svolgono un ruolo fondamentale sul territorio ed è per tale ragione che viene organizzata questa iniziativa di carattere educativo ed informativo. 
Il progetto infatti prevede il coinvolgimento  delle scuole del territorio perché i bambini e i ragazzi vengano a conoscere chi  è garante dell’incolumità delle persone, del rispetto della loro libertà, perché oltre la divisa ci sono uomini in carne ed ossa che rischiano la vita per tutti noi e che vigilano sul rispetto di regole indispensabili per la convivenza civile.
All'interno della galleria del centro commerciale adriese sono presenti dei punti informativi dedicati a Carabinieri, Polizia di Stato, Guardia di Finanza, Vigili del Fuoco, Polizia Municipale. Ogni Corpo sarà presente con mostra di mezzi – d’epoca e attuali - mostra fotografica che testimonia l’attività svolta quotidianamente sul territorio, esposizione di strumenti e tecnologie per far toccare con mano le modalità attraverso le quali vengono attuati gli interventi sul territorio, per garantire la sicurezza e la legalità, per far fronte a situazioni di emergenza e calamità, ecc…
Sono previsti per ogni venerdì, dimostrazioni e mini-lezioni sui comportamenti da perseguire per una guida “in sicurezza”, sugli effetti dell’alcol e delle droghe sulla guida, simulazione di pronto soccorso o di  intervento in caso di calamità, addestramento di cani, ecc…
Un gioco rivolto ai ragazzi e ai bambini: dopo aver acquisito informazioni e conoscenze sui diversi Corpi, potranno infatti votare il corpo di pubblica sicurezza a loro preferito e verranno messi in palio dei premi per l’Arma che otterrà maggiori preferenze.
Lo scopo è proprio quello di avvicinare i più piccoli ad un mondo che spesso viene considerato lontano e inavvicinabile, ma che è invece composto di persone che lavorano per la comunità, che sono a disposizione di tutti i cittadini, che operano per la sicurezza e la legalità; un modo per parlare ai ragazzi di regole, dell’importanza di rispettarle, del loro valore fondamentale.

L’inaugurazione si è tenuta domenica 2 maggio alla presenza di Tiziana Virgili, presidente della provincia di Rovigo, Daniele Ceccarello, assessore protezione civile e pubblica sicurezza del comune di Adria, il consigliere regionale adriese Mauro Mainardi, il maresciallo Rocco Cannabona del comando dei carabinieri e del luogotenente Gaetano Gervasio della guardia di finanza. Per la Municipale di Adria era presente Giampietro Puppa, Giuseppe Lomoro, comandante vigili del fuoco di Adria e l'isp. capo Luca Allegro della polizia di stato.

4 maggio 2010
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

La tua privacy per noi è importante!


Proseguendo nella navigazione acconsenti al trattamento dei dati essenziali per il funzionamento del servizio. Ti chiediamo inoltre il consenso per il trattamento esteso alla profilazione e per il trattamento tramite società terze.
Leggi di più Acconsento