SICUREZZA PROVINCIA ROVIGO Furti a negozi ed appartamenti, l’Ascom propone contromisure: vigilanza e telesorveglianza

Escalation pericolosa

Tra ville e giardini 2018

Aumentare il numero dei controlli, installare strumenti di telesorveglianza per meglio garantire la sicurezza delle città e della provincia di Rovigo, colpita negli ultimi tempi da furti a case e negozi, è la proposta di Elena Grandi presidente Confcommercio 


 

Rovigo - La situazione dei furti in negozi e appartamenti sta diventando sempre più insostenibile ed è di lunedì 10 novembre l’ultima razzia che i malviventi hanno fatto in un negozio del Centro commerciale il Faro di Giacciano con Barucchella.

Questo è solo l’ultimo episodio in ordine cronologico che vede coinvolti esercizi commerciali di Rovigo e provincia ma che sembra interessare anche le altre province del Veneto, tanto da indurre il presidente della Regione Luca Zaia a chiedere il sostegno del ministro dell’Interno Angelino Alfano per mettere a disposizione più uomini e mezzi.

“Non è più tollerabile che i nostri imprenditori vedano vanificare gli sforzi quotidiani per colpa di bande di criminali – interviene Elena Grandi presidente Confcommercio Rovigo – è un’escalation pericolosa davanti alla quale non si può rimanere in silenzio”.

Il costante lavoro che svolgono le forze dell’ordine sul territorio secondo la Grandi non basta più a contrastare la malavita e le risorse a loro disposizione sono sempre meno e non consentono un’azione efficace per difendere le imprese e i cittadini: “Non voglio lanciare inutili allarmismi ma voglio aprire una discussione seria su questa problematica per studiare le giuste contromisure, - conclude - credo che sia necessario integrare l’egregio lavoro svolto dalle forze dell’ordine con la vigilanza privata e con l’installazione di strumenti di telesorveglianza per meglio garantire la sicurezza delle città”.

12 novembre 2014
Studio legale Fois 468x60




Correlati: