CALCIO Allo stadio Francesco Gabrielli primo giorno per l’Asd Rovigo. Smantellati tutti i cartelli del Delta, ridipinto il cancello d’ingresso, si volta pagina con priorità assoluta i giovani

[VIDEO] Si volta pagina, nuova prospettiva 

Alberto Garbellini, Antonio Cittante e Alessandro Rossi
Antonio Cittante e Alessandro Rossi
Presenti i tifosi del club La Vecchia Guardia
La storia biancazzurra rivive, ma ci vorrà tempo per ritornare in alto
DOMINA fuori tutto

135 tesserati come base di partenza, l’accorpamento delle annate delle giovanili si potrebbe sdoppiare se si unissero anche alcuni ex Delta. Partito ufficialmente il progetto Asd Rovigo giovedì 29 giugno dopo la presentazione a Palazzo Nodari (LEGGI ARTICOLO).

Il direttore tecnico della nuova Asd Rovigo Alessandro Rossi: "Il nostro percorso sotto il profilo societario sarà occuparsi di tutti i settori attraverso l'aiuto di più persone che saranno fondamentali per il nostro lavoro e per il funzionamento delle operazioni. Questo impianto deve cominciare a rivivere e ad essere fruibile per tutta la cittadinanza." Smantellati i pannelli con il logo del Delta, dal 1 luglio al via i tesseramenti, per la squadra di tecnici ci vorrà ancora qualche giorno, prima partita di giovani sul campo centrale già nel pomeriggio, allo studio anche la realizzazione di una commissione tecnica-organizzativa con all’interno dei genitori. La crescita dei ragazzi è la priorità, la prima squadra passa in secondo piano. Presenti anche i tifosi del club La Vecchia Guardia.

Primo allenamento proprio giovedì 29 giugno per i Giovanissimi (nati nel 2004), martedì 4 luglio alle 18 raduno dei primi calci (2009-2010), mercoledì 5 luglio alla stessa ora sarà il turno dei Pulcini (2007-2008), giovedì 6 luglio, sempre alle 18, degli Esordienti (2005-2006). In questi giorni sarà operativa la segreteria alla stessa ora per i tesseramenti, la società mette a disposizione dei genitori e dei propri figli un allenamento libero, una sorta di prima conoscenza.

leggi l'articolo sulla discussione in Consiglio Comunale


Rovigo - Presso lo stadio Francesco Gabrielli di Rovigo, nella giornata di giovedì 29 giugno, è stata presentata ufficialmente la nuova società Asd Rovigo. A fare gli onori di casa il presidente Antonio Cittante, il vicepresidente Alberto Garbellini e il direttore tecnico Alessandro Rossi, insieme allo staff composto dal mister delle giovanili Antonio Collo, ed un seguito nutrito di genitori e nuovi piccoli calciatori. Primo allenamento proprio giovedì 29 giugno per i Giovanissimi (nati nel 2004), martedì 4 luglio alle 18 raduno dei primi calci (2009-2010), mercoledì 5 luglio alla stessa ora sarà il turno dei Pulcini (2007-2008), giovedì 6 luglio, sempre alle 18, degli Esordienti (2005-2006). In questi giorni sarà operativa la segreteria alla stessa ora per i tesseramenti, la società mette a disposizione dei genitori e dei propri figli un allenamento libero, una sorta di prima conoscenza.

A prendere per primo la parola il direttore tecnico Alessandro Rossi: "Non me l'aspettavo di vedere così tanto movimento e fermento di fronte a questa iniziativa in tempi impensabili - commenta - e di essere riusciti a raggiungere questo obiettivo così velocemente. Ad essere qui le emozioni per me si ripercorrono e mi sento a casa mia perché vedo tantissimi ricordi. Non é stato semplice e ringrazio il sindaco Massimo Bergamin, l'amministratore comunale Luigi Paulon e Malvino Cervati per la concessione del campo sportivo. La nostra idea è sviluppare una situazione logistica per quanto riguarda i giocatori, per me e per tutta la nostra nuova società. Questo tipo d'impianto deve essere un punto di partenza per tanti ragazzi perché possano raggiungere i loro obiettivi con degli insegnamenti sotto il profilo umano per relazionarsi con gli altri, con delle figure e dei riferimenti precisi che si imparano con la convivenza in spogliatoio." 

Il progetto principale per il nuovo team del capoluogo sarà quello di sviluppare un settore giovanile composto da nuove leve che diventino i talenti del domani e possibilmente anche una Prima Squadra: "Il nostro percorso sotto il profilo societario - continua Alessandro Rossi - sarà occuparsi di tutti i settori attraverso l'aiuto di più persone che saranno fondamentali per il nostro lavoro e per il funzionamento delle operazioni. Questo impianto deve cominciare a rivivere e ad essere fruibile per tutta la cittadinanza. Abbiamo delle idee, con un tipo di situazione similare che fungerà come una casa, e chiederemo a delle associazioni Onlus, insieme al patrocinio del comune, uno spazio per la gestione tecnica di attività formative, insieme alle società limitrofe, facendo delle serate costruttive per crescere insieme. Questi saranno i presupposti con cui partiremo, dove diventerò io garante per i per nostri scopi. Il nostro programma, cominciato a Maggio, conta numericamente un numero di tesserati pari già a 135 iscritti, mentre l'anno scorso erano solo 63, tra le categorie dei primi calci e terminando con gli allievi. Cercheremo di allestire una Juniores e una Prima Squadra, altrimenti il nostro progetto mancherà di una parte importante e dovremo essere bravi a far nascere a Rovigo un'adeguata territorialità inculcandolo ai ragazzi e ai nostri mister. Spero che i ragazzi di Rovigo del vecchio Delta arrivino da noi e qualora volessero venire saranno accolti a braccia aperte perché l'attività che abbiamo sviluppato in questi giorni sarà cercare che tutti vengano. Questa è la nostra speranza anche per loro, e da adesso in avanti saremo tutti operativi, auspicando che il calcio a Rovigo possa tornare a grandi livelli." 

Asd Rovigo che nasce dal Ras Commenda, una società che si occuperà di settore giovanile in maniera esclusiva. Quindi serve un altro soggetto che si metta a disposizione con una compagine che possa dare seguito ed una prospettiva al lavoro dei ragazzi.

Il presidente Antonio Cittante della nuova Asd Rovigo inoltre aggiunge: "Vorrei ringraziare tutti - commenta - Malvino Cervati per la concessione del campo e chi ci ha fatto arrivare qui in questi anni, dai nostri collaboratori che in questo cammino ci hanno fatto crescere, migliorare e maturare insieme, il comune per la fiducia, e tutti quelli vicini a noi. Speriamo sia un tragitto importante che ci trasmetta carica. Insieme al nostro mister Antonio Collo cercheremo di far vivere nel nostro gruppo uno spazio dove apriremo la porta aperta a tutti. Per quanto riguarda la parte tecnica sono tranquillo con Alessandro Rossi perché so che è il profilo giusto e a chi vorrà darci una mano sarà ben accetto,  sperando che qualche imprenditore della città investa sulla nostra squadra. Inizieremo a lavorare già da domani, mentre dell'aspetto sociale se ne occuperà il nostro vicepresidente Alberto Garbellini. Abbiamo infine rinunciato al nostro nome e al nostro campanile per lavorare insieme e rendo grazie inoltre anche alla Vecchia Guardia perché Rovigo riparta con le basi di un settore giovanile e di una prima squadra."

Infine conclude il vicepresidente della nuova Asd Rovigo Alberto Garbellini: "Quando abbiamo proposto il nostro progetto - commenta - all'amministrazione comunale non abbiamo pensato al calcio solo ad alti livelli ma auspichiamo in maniera migliore si possa arrivare ad una prima squadra con un nostro undici. In questi anni abbiamo avuto delle esperienze belle e positive ed é merito dell'amministrazione comunale, perché i ragazzi necessitano di uno spazio e di un ambiente. La nostra intenzione è avere un settore atletico-sportivo e uno spazio adeguato grazie alle associazioni Onlus. Nei prossimi giorni prenderemo parte con il volontariato al nostro percorso e coinvolgeremo la popolazione, insieme al delegato Coni Lucio Taschin, molto sensibile a queste tematiche, e all'assessore Luigi Paulon, che sono molto interessati ed entusiasti. Confidiamo di dare delle soddisfazioni a chi collaborerà con noi."  Intanto si parte.

Andrea Rizzatello 

 

 

 

29 giugno 2017
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

La volanda cena di natale

La tua privacy per noi è importante!


Proseguendo nella navigazione acconsenti al trattamento dei dati essenziali per il funzionamento del servizio. Ti chiediamo inoltre il consenso per il trattamento esteso alla profilazione e per il trattamento tramite società terze.
Leggi di più Acconsento