TURISMO ROSOLINA (ROVIGO) “La nostra proposta avrebbe fatto ordine e cassa” si riferisce al far west dei parcheggi Pako Massaro, consigliere della Lega nord, attaccando l’amministrazione guidata dal sindaco Vitale 

“Al mare vige la regola del più furbo”

Tra ville e giardini 2018

Pako Massaro, consigliere della Lega nord in minoranza a Rosolina, è veramente indignato dalla scarsa lungimiranza dell’amministrazione di Franco Vitale. Bocciata ad aprile la mozione (LEGGI ARTICOLO) proposta dallo stesso con altri due consiglieri per istituire nuovi parcheggi a Rosolina mare, formare e mandare sul campo controllori della sosta scelti tra i giovani rosolinesi, si ritrova che a fine luglio a Rosolina mare sul versante parcheggi vige ancora il far west. “Eppure hanno bocciato la mia mozione perché ci avrebbero pensato loro”


Rosolina (Ro) - “A Rosolina si direbbe: ‘Bono da gninte’, ecco come sta governando Vitale Rosolina”. Evidentemente non ha ancora digerito Pako Massaro la bocciatura della sua mozione, scritta assieme a Chiara Paganin e Nicolò Crivellari, per la formazione di giovani del luogo per diventare controllori della sosta durante la stagione estiva e l’individuazione di nuove aree di parcheggio per i turisti da autorizzare nei weekend. Proposta presentata a febbraio, discussa il 20 aprile e bocciata dal consiglio comunale.

Cosa ha respinto la maggioranza di Vitale? La proposta di dare un nome ai parcheggi di Rosolina mare, per facilitare gli automobilisti; di prevedere una ulteriore zona di parcheggio a Rosolina mare, per non elevare multe durante il fine settimana; e di dare lavoro a dei cittadini di Rosolina, che controllassero chi effettivamente paga il parcheggio.

“Come al solito, visto che il sindaco si riempie la bocca della parola collaborazione tra maggioranza e minoranza, la proposta è stata respinte perché a parola del vice Daniele Grossato, ci stavano già pensando loro. Risultato: fatto niente.

Ecco che allora viene da pensare male. Perché la maggioranza non ha fatto nulla per i parcheggi, per i turisti e per tutti i cittadini di Rosolina? Perché non sono capaci? O perché non interessa la località turistica?”.

In realtà il comune di Rosolina qualcosa ha fatto, lo riconosce con sarcasmo pure Massaro, “ha sostituito i tesserini dei parcheggi senza un perché, così i cittadini di Rosolina che hanno un solo autocarro come mezzo familiare, prima avevano l’agevolazione e ora non più; a meno che non espongano il tesserino vecchio tanto nessuno controlla”.

“A Rosolina Mare - prosegue Massaro - vige la regola del più furbo. Il comando dei vigili è stato mozzato di personale, i parcometri non sempre funzionano e nessuno controlla”. Quindi la conclusione è “chi paga è bravo, gli altri sono furbi”.

Il beneficio di un ritorno economico dal controllo dei parcheggi sembra non essere stato valutato dall’amministrazione Vitale. “La proposta che avevamo fatto per assumere, gente di Rosolina, come controllori della sosta, poteva, oltre che mettere a lavorare delle persone, portare nelle casse del comune soldi, visto che ultimamente per errori e incapacità dell’amministrazione sono stati persi contributi, non sono ancora stati riscossi i soldi dei posti barca e sono state rattoppate strade invece che asfaltarle”. 

Umorismo per chiudere il discorso. “A questo punto meglio scrivere in Romea "A Rosolina mare parcheggi gratis" almeno ci facciamo pubblicità”.

27 luglio 2017
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

TedxRovigo