VIDEOSORVEGLIANZA BADIA POLESINE E OCCHIOBELLO (ROVIGO) La Regione stanzia 190mila euro, la Provincia di Rovigo dispone l'avvio dei lavori. In totale saranno sistemati 31 dispositivi

Arrivano i primi due varchi elettronici per la sicurezza

AllenaMente 730x90

La presentazione del progetto, nel suo complesso, è del 24 novembre scorso. Ma è solo nella mattinata di venerdì 9 marzo che è arrivato l'atto che, ufficialmente, sancisce l'avvio del programma di potenziamento della videosorveglianza denominato "Polesine Sicuro"


Badia Polesine e Occhiobello (Ro) - Si parte con i primi varchi elettronici che andranno a comporre il primo stralcio del progetto "Polesine sicuro", ossia la rete elettronica di varchi e telecamere che dovrebbe vedere posizionati, a conclusione dei lavori, ben 31 dispositivi di questo genere nel territorio del Polesine. Un progetto che vede in prima fila la Provincia di Rovigo e As2, con il contributo della Regione del Veneto, il cui contributo è stato essenziale per la riuscita.

Il primo passo è quello compiuto ufficialmente nella mattinata di venerdì 9 marzo dal presidente della Provincia Marco Trombini, che con la sua determinazione ha approvato il contratto "in house" con As2 per la realizzazione dei due primi varchi, a Badia Polesine e a Occhiobello. Il tutto, appunto, grazie al fatto che il 27 febbraio la Regione aveva stanziato i 190mila euro necessari a partire. Al progetto, al momento, aderiscono 38 Comuni sui 50 in Polesine.

9 marzo 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

Musikè Fondazione Cariparo 730x90 istituzionale - post evento

La tua privacy per noi è importante!


Proseguendo nella navigazione acconsenti al trattamento dei dati essenziali per il funzionamento del servizio. Ti chiediamo inoltre il consenso per il trattamento esteso alla profilazione e per il trattamento tramite società terze.
Leggi di più Acconsento