RUGBY SEI NAZIONI 2018 In vista del confronto contro la Scozia, l’Italia perde Maxime Mbandà per infortunio 

Budd: “Alcuni errori hanno compromesso il risultato finale”

Dean Budd
Tra ville e giardini 2018

 Maxime Mbandà, flanker della Nazionale Italiana Rugby e di Zebre Rugby Club, è stato sottoposto a Roma ad esami strumentali a seguito dell’infortunio al ginocchio destro riportato domenica a Cardiff contro il Galles nella quarta giornata del NatWest 6 Nazioni 2018.

Gli esami hanno evidenziato una lesione del legamento collaterale mediale e ulteriori accertamenti verranno svolti la settimana ventura per definire il quadro clinico dell’atleta. L’atleta è rientrato nella propria franchigia.


Roma Quattro giorni dividono la Nazionale Italiana Rugby dal quinto ed ultimo impegno al NatWest 6 Nazioni. Gli Azzurri, che nella serata di lunedì sono rientrati a Roma e nella giornata martedì hanno svolto il primo allenamento della settimana sul campo al CPO “Giulio Onesti”, affronteranno la Scozia allo “Stadio Olimpico” sabato 17 marzo alle 13.30, match che sarà trasmesso in diretta su DMAX, canale 52 del digitale terrestre.

“Abbiamo avuto un momento di smarrimento iniziale – ha dichiarato Dean Budd a bordo campo al termine dell’allenamento odierno, tornando sul match contro il Galles a Cardiff di domenica scorsa (LEGGI ARTICOLO)  - . La reazione è arrivata subito con la meta di Minozzi, ma alcuni errori hanno compromesso il risultato finale. Dispiace per come sia andata la partita e vogliamo reagire subito”.

“La Scozia è un avversario temibile – prosegue la seconda linea di Italrugby e Benetton Treviso - . Hanno battuto in casa Francia e Inghilterra dimostrando di essere una squadra solida. Possono contare in rosa su giocatori come Hogg e Laidlaw e questo basta per evidenziare il loro valore”.

“Le sconfitte fanno sempre male – conclude Budd - . Noi pensiamo solo a lavorare e a cercare di migliorarci step by step. Vogliamo chiudere al meglio il torneo sia per noi che per tutti i tifosi che verranno a sostenerci allo Stadio Olimpico”.

Maxime Mbandà, flanker della Nazionale Italiana Rugby e di Zebre Rugby Club, è stato sottoposto a Roma ad esami strumentali a seguito dell’infortunio al ginocchio destro riportato domenica a Cardiff contro il Galles nella quarta giornata del NatWest 6 Nazioni 2018.

Gli esami hanno evidenziato una lesione del legamento collaterale mediale e ulteriori accertamenti verranno svolti la settimana ventura per definire il quadro clinico dell’atleta. Mbandà ha lasciato oggi il raduno azzurro per fare rientro alla propria franchigia, dove verrà valutato il percorso di recupero che il giocatore dovrà osservare.  

 

13 marzo 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

  • La febbre per CR7 arriva al Battaglini

    RUGBY ECCELLENZA Umberto Casellato, direttore sportivo della FemiCz Rovigo, mercoledì 18 luglio si aggirava al campo con la maglia di Ronaldo 

  • Credito sportivo, meta raggiunta

    RUGBY Importante accordo tra Fir e Ics per accedere al Mutuo “light” 2.0 Fsn per importi dai 10 mila ai 60 mila euro, per realizzare, ristrutturare e riqualificare impianti sportivi

  • Novità e questioni ancora da risolvere 

    RUGBY ECCELLENZA Joe McDonnell head coach ed Umberto Casellato direttore sportivo, lo ha annunciato il presidente Azzi il primo giorno del raduno della FemiCz Rovigo

  • Primo giorno di lavoro per i Bersaglieri 

    RUGBY ECCELLENZA Ben 5 a Treviso fino al giovedì, la nuova FemiCz Rovigo ha sostenuto i primi test fisici lunedì 16 luglio. Assenti alcuni neoacquisti, Thor Halvorsen infortunato è rimasto in patria e si aggregherà prossimamente

  • E’ nata la nuova franchigia giovanile 

    RUGBY ROVIGO Badia e Frassinelle insieme per dare vita alla Ftgi Polesine Asd Under 16 ed U18

  • Ritiro in altura

    RUGBY GIOVANILE L’Under 14 della Junior del Badia (Rovigo) ha trascorso qualche giorno a Valpore nel versante bellunese del Massiccio del Grappa

  • Rugby Camp: sport e divertimento per 100 ragazzi

    BADIA POLESINE (ROVIGO) E' partita, lo scorso 3 luglio, l'attività della Rugby Badia 1981. Non solo allenamenti ma anche piscina e attività ludiche