ABBIGLIAMENTO ROVIGO I laboratori locali non ricevono da mesi i pagamenti regolari, Cna Federmoda si mobilita per verificare il piano d’intervento della nuova proprietà del noto marchio di abbigliamento intimo 

I laboratori di confezioni che lavorano per La Perla sono in allerta 

Tra ville e giardini 2018

La vertenza del gruppo “La perla” preoccupa i laboratori di confezione polesani che da mesi non ricevono pagamenti per le attività prestate. Cna Federmoda che si sta attivando per mappare il numero di laboratori coinvolti vuole tutelare il settore 


Rovigo - Le sorti del gruppo industriale "La Perla" leader dell'abbigliamento intimo preoccupa i laboratori di confezioni della provincia di Rovigo che da mesi non ricevono pagamenti.

L'azienda di intimo, fondata nel 1954 da Ada Masotti, comprata nel 2013 da Silvio Scaglia ex patron di Fastweb e venduta, alcuni mesi fa, alla società d'investimento Sapinda Holding con sede centrale ad Amsterdam e uffici a Londra e Berlino, non sta vivendo un buon momento e tra pochi giorni presenterà il suo nuovo piano industriale.

Scaglia ha investito molto sul marchio "La Perla", che oggi conta 150 negozi monomarca in tutto il mondo e altre presenze commerciali nelle principali città metropolitane in America, Europa, Middle-Est e Asia. Impiega 1.500 persone, nei vari Paesi, di cui poco più di 300 a Bologna.

"I nostri laboratori ad oggi - dichiara Riccardo Mancin portavoce della Cna Federmoda di Rovigo - da mesi non ricevono pagamenti per le attività prestate nei confronti dell'azienda e siamo tutti in attesa di verificare i contenuti del piano d'intervento del gruppo. Ci stiamo attivando come associazione per mappare il numero di laboratori coinvolti in questa delicata vertenza che non ci ha ancora visti partecipi al tavolo delle trattative”.

“E’ nostra ferma intenzione - conclude Mancin - metterci in contatto con la direzione aziendale per stabilire rapporti diretti tra azienda e laboratori di confezioni interessati. La questione per noi tra l'altro riguarda tutto il settore che intendiamo tutelare nel migliore dei modi per non vedere intaccato uno dei settori storici della nostra provincia”. 

 

 

10 maggio 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

TedxRovigo