ELEZIONI COMUNALI ADRIA (ROVIGO) L’appello di Sergio Berlato ai cittadini della città etrusca chiamata a votare il prossimo 10 giugno. Tutto il partito di Fratelli d’Italia si riconosce in Giorgia Furlanetto

Il bivio tra la scelta giusta e quella conveniente: “Furlanetto è quella giusta"

Tra ville e giardini 2018

Nella cornice della splendida villa Marino Marin lungo la riviera Cesare Battisti lungo il Canalbianco di Adria la candidata sindaco Giorgia Furlanetto presenta la propria squadra di consiglieri di Fratelli d’Italia. Capolista la giovane Angela Zuin, a chiudere il coordinatore regionale del partito, il parlamentare Sergio Berlato, anche lui candidato alla carica di consigliere ad Adria. Berlo ad un certo punto fa un passaggio su ciò che succede nella vita di un politico: “Un politico, prima o poi, deve fare delle scelte importanti. Ad un certo momento si troverà di fronte alla decisione di preferire quella più giusta o quella più vantaggiosa. Giorgia ha fatto quella giusta e noi con lei"



Adria (Ro) - E’ proprio l’intervento di chiusura di Sergio Berlato che accende gli animi dei tanti partecipanti alla presentazione della lista di Giorgia: “Non siamo come tutti gli altri, chi è di destra non è come tutti gli altri uomini, perché gli uomini di Fratelli d’Italia credono in valori ed ideali che non sono negoziabili. Parlo a ragion veduta, faccio politica da tanti anni, sono entrato in consiglio regionale del Veneto per la prima volta nel 1990, e ho fatto tre mandati, ma ho anche fatto tre legislature al consiglio europeo e conosco bene che un politico, prima o poi, deve fare delle scelte importanti. Ad un certo momento si troverà di fronte alla decisione di preferire quella più giusta o quella più vantaggiosa. Ebbene - continua Berlato - quando ci si trova davanti ad un bivio, quasi mai la scelta più vantaggiosa è anche quella più giusta, e viceversa. Noi la nostra scelta più giusta l’abbiamo fatta ed abbiamo deciso di candidare Giorgia Furlanetto alla carica di sindaco, una donna che sposa completamente gli ideali del partito con valori non negoziabili.

La forza dell’esempio, dato da Giorgia, è quanto di più efficace si possa avere anche in campagna elettorale. E’ rimasta ferma sulle sue posizioni, fedele ai valori in cui crede, fino ad essere allontanata dalla giunta comunale, è stata reintegrata dopo un mio personale interessamento quando all’allora sindaco Barbujani, ho spiegato che gli uomini e le donne di destra non si piegano e non accettano comodi compromessi per il “quieto vivere” dell’amministrazione”. Giorgia la sua battaglia l’ha già vinta. E’ una persona pulita a capo di una lista di persone normali, oneste. Giorgia non ha fatto quello che tante altre persone avrebbero fatto perché “tanto così fan tutti”. No! Giorgia è rimasta lì e mettendoci la faccia ha continuato a tenere alta l’attenzione sui valori per i quali crede”.

Berlato ha fatto poi un passaggio sull’orgoglio di essere tradizionalisti e “retrogradi” sul valore della famiglia tradizionale, in totale disprezzo della cosiddetta teoria gender e delle adozioni da parte di coppie omosessuali. Il passaggio poi sulle denunce presentate, non in forma anonima, ma firmate da Sergio Berlato, con le testimonianze raccolte tra gli imprenditori che hanno scoperchiato il caso Mose alla procura di Venezia, producendo gli arresti del 4 giugno 2014, ha ricordato a tutti i partecipanti la forza dell’esempio. Lo stesso esempio che Furlanetto ha dato ai cittadini adriesi.

“Lo stesso esempio che dà il partito che con la mia candidatura testimonia come tutto il partito di Fratelli d’Italia è qui a sostenere Giorgia Furlanetto come sindaco, perché ci riconosciamo in Giorgia, una scelta condivisa dal vertice nazionale con il segretario Giorgia Meloni e Francesco Lollobrigida responsabile nazionale del coordinamento”.

Fratelli d’Italia, dopo una ventilata corsa in solitaria per non accettare compromessi, ha trovato il sostegno in corso d’opera della lista di Forza Adria (LEGGI ARTICOLO), di Sandra Passadore che alla platea degli intervenuti ha ricordato: “Rappresento una lista composta da persone coraggiose che in un momento difficile di collasso dell’amministrazione ha deciso scomodamente di mettersi in gioco. Ci sono civici, forzisti, persone moderate, e tutti condividono i principi a cui Sergio Berlato ha fatto cenno. Tutti si collocano nell’area di centrodestra e credono nei valori a costo di misurarsi tutti i giorni con chi vorrebbe passarci sopra quotidianamente. La politica deve dare risposte alla nostra società, la famiglia al centro con il valore della persona. Torniamo ad essere semplici, leali, concreti, onesti, con i piedi piantati per terra. Fare politica significa coerenza, responsabilità ed ed azione”.

La lista di Fratelli d’Italia presentata da Giorgia Furlanetto alla presenza del segretario provinciale Daniele Ceccarello e del componente del direttivo nazionale Ivo Baccaglini per le  prossime elezioni è composta da: Angela Zuin, Simone Ceccarello, Camilla Ranzato, Barnaba Busatto, Francesco Guida, Christian Lazzarin, Lisa Zucconelli, Nicola Bonamico, Daniele Nali, Federico Franzoso, Matteo Rosso, Francesca Stoppa, Melissa Bersanetti, Michela Folli, Paolo Tessarin, Sergio Berlato.

18 maggio 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati: