BADIA POLESINE (ROVIGO) Al Caenazzo, l’assemblea dei soci ha approvato all’unanimità il bilancio d’esercizio 2017 e quello di previsione 2018 de La Volanda

L’associazione guarda al futuro 

Tra ville e giardini 2018

Gode di ottima salute la Volanda, assemblea dei soci ed approvazione del bilancio. prima della riunione, è stata presentata ai soci la curatrice del nuovo sito web Jenny Bonetto.

Il riconoscimento del valore civile svolto in questi 14 anni è stato certificato dall’inserimento dei progetti attuati da La Volanda nei piani di zona dell’Ulss polesana e dai contributi ricevuti dalla Regione Veneto, dal comune di Badia Polesine e da quello di Stienta.


Badia Polesine (Ro) - Il 16 giugno, nella sede di via Cigno, 113 al Caenazzo, l’assemblea dei soci ha approvato all’unanimità il bilancio d’esercizio 2017 e quello di previsione 2018 de La Volanda, mentre ha deciso di rimandare le modifiche statutarie richieste dalla recente normativa sul riordino del Terzo Settore ad  una successiva adunanza straordinaria da tenere comunque entro il mese di febbraio 2019. Prima della riunione, è stata presentata ai soci la curatrice del nuovo sito web Jenny Bonetto. Quindi, nella relazione accompagnatoria il presidente Ugo Mariano Brasioli, coadiuvato dalla coordinatrice dei tutor Chiara Baccaro, ha fatto il punto sulle realizzazioni e sulle prospettive prossime, invocando fra i meriti associativi l’impegno gratuito e senza risparmio di energie dei soci. “Nessuno di noi – ha sottolineato il presidente – vive dell’associazione, nessuno lucra sul disagio e la disabilità. Questo fa la differenza!”. 

Il riconoscimento del valore civile svolto in questi 14 anni è stato certificato dall’inserimento dei progetti attuati da La Volanda nei piani di zona dell’Ulss polesana e dai contributi ricevuti dalla Regione Veneto, dal comune di Badia Polesine in cui si attua il progetto Working Moment e da quello di Stienta dove l’associazione ha una sede operativa e gestisce un ben avviato progetto semiresidenziale di autonomia extrafamiliare. Anche la convenzione con l’Istituto Comprensivo Statale Scolastico altopolesano che permette un’estensione sul campo al progetto “scuola potenziata”, è stata citata come dimostrazione che anche con poco impegno economico molto si può fare per chi vive la fragilità ed il disagio.  Più incerte appaiono, per la complessità  dei problemi e la sostenibilità dei costi posti in gioco,  le prospettive per la realizzazione del più volte evocato “focolare domestico” (alias progetto per il Dopo di Noi). 

Fra le altre criticità individuate nella relazione è stato posto l’accento sull’assenza di un piano di sostegno strutturato per assicurare continuità ai progetti di chi opera nel sociale anche in via sussidiaria alle istituzioni. Ha portato i saluti dell’amministrazione comunale di Stienta l’assessore ai servizi sociali Marco Franchi. Infine, l’assemblea ha voluto indirizzare un ringraziamento particolare ai benefattori che sono costantemente a fianco dell’associazione contribuendo alla realizzazione dei progetti intrapresi: Banca Prossima, BancAdria, Farma-Broglio, HC Solution di Milano, IDB, IRE, Montini, Spedo, SW1 di Padova e non ultima Zhermack che, proprio in questi giorni, ha stipulato un accordo con l’associazione per il confezionamento di manufatti. In conclusione, il buon esito dell’esercizio e la corretta gestione sono stati certificati con la firma in calce agli atti dal revisore ragionier Ivan Tognolo. 

 

18 giugno 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

TedxRovigo