COMUNE ROSOLINA (ROVIGO) È iniziata l’astensione dal lavoro degli impiegati comunali negli orari di straordinario. Durerà fino al 9 agosto. Franco Vitale ha scelto di bloccare il salario accessorio 

La prima volta nella storia del Municipio: sciopero dei dipendenti 

Baccaglini VW locator
I dipendenti del Comune di Rosolina non ci stanno al blocco dei fondi di salario accessorio, destinati a impiegati, operai e agenti per il pagamento di una nuova figura dirigenziale fra il personale del Comune di Porto Viro: parte per la prima volta uno sciopero degli straordinari che durerà un mese 

Rosolina (Ro) - È iniziato lo sciopero degli straordinari dei dipendenti comunali di Rosolina, deciso all'unanimità e che durerà fino al 9 agosto (LEGGI ARTICOLO).

“È la prima volta nella storia del Comune di Rosolina, che si arriva a uno sciopero” esordisce la rappresentanza sindacale unitaria, composta da Leano Lunardi, Oliviero Ferro, Maria Donatella De Grandis e Roberto Zanella. "Un evento eccezionale, a cui noi lavoratori siamo giunti a malincuore, dinanzi alla grave situazione attuale e agli atteggiamenti della parte politica, che nemmeno l'intervento del Prefetto è riuscito a smussare. D'altronde lo abbiamo deciso all'unanimità, dopo che sin dal 2 maggio avevamo indetto lo stato di agitazione, ugualmente all'unanimità”.

Questo perchè il sindaco Vitale ha confermato il blocco dei fondi di salario accessorio, destinati a impiegati, operai e agenti: “con la scusa di dover ‘dirottare’ questi fondi per il pagamento di una nuova figura dirigenziale, da lui scelta in modo assolutamente discrezionale fra il personale del Comune di Porto Viro, al quale il nostro ente adesso dovrà rimborsare metà stipendio di tale dirigente. - spiegano - L'assurdità della vicenda è che Vitale ha scelto di colpire i dipendenti semplici di Rosolina, quelli che ogni giorno mandano avanti gli sportelli e i servizi ai cittadini, anziché ridurre gli emolumenti (tutti attualmente al massimo) già da lui attribuiti ai numerosi dirigenti, già da lui nominati a Rosolina”.

“È inaccettabile sentire il sindaco parlare ai giornali di ‘introdurre meritocrazia’, come se la meritocrazia qua non esistesse: in realtà è obbligatoria per legge ed esiste nel Comune di Rosolina da oltre quindici anni, come in tutti gli altri comuni italiani, con tanto di griglie di valutazione e "pagelle" periodiche. - commentano - Se c'è qualcuno che adesso sembra abolire la meritocrazia, è proprio Vitale stesso, visto che azzerando il finanziamento del fondo meritocratico, toglie senso a tutti i progetti straordinari che i dipendenti svolgono oltre le normali mansioni, al servizio della cittadinanza rosolinese”.


 
13 luglio 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

ebook baseball

La tua privacy per noi è importante!


Proseguendo nella navigazione acconsenti al trattamento dei dati essenziali per il funzionamento del servizio. Ti chiediamo inoltre il consenso per il trattamento esteso alla profilazione e per il trattamento tramite società terze.
Leggi di più Acconsento