BLOCCO BANDO PERIFERIE Andrea Bimbatti sarà in missione il 14 agosto assieme ai colleghi primi cittadini veneti per cercare di non perdere i fondi che erano stati messi a disposizione per la riqualificazione dell’ex ospedale

A Venezia per difendere il Maddalena

Tra ville e giardini 2018
Le città del Veneto rischiano di veder sfumare complessivamente 150 milioni di finanziamenti oltre ad altri 64 milioni di euro che erano stati stanziati per la sistemazione degli edifici scolastici. La Lega Nord, pronta a breve a cambiare nome, difende i provvedimenti e spiega che nulla è ancora perduto


ROVIGO - Ci sarà anche il vicesindaco di Rovigo, Andrea Bimbatti alla riunione di martedì 14 agosto a Venezia per fare il punto della situazione sul Bando periferie. Assieme a tutti i sindaci veneti, il numero 2 di palazzo Nodari cercherà di fare quadrato assieme agli altri amministratori veneti per provare a difendere con le unghie e con i denti i progetti che erano stati messi in preventivo e che rischiano di saltare causando danni rilevanti per i bilanci delle varie amministrazioni. Si sta ovviamente parlando del caso Ex Maddalena che proprio in questi giorni ha visto la terza rimodulazione progettuale, comprensiva dell’acquisto dell’immobile da parte del Comune per 2,6 milioni di euro che dovrebbero arrivare, proprio dal Ministero.
La questione per Rovigo non è marginale in quanto la mancata erogazione di contributo espone l’ente comunale a vertenze milionarie con i privati proprietari dell’immobile che sono “tranquilli” della compravendita dopo il passaggio in consiglio comunale (LEGGI ARTICOLO).

Sono molti i fondi che il Veneto rischia di veder sfumare: non solo 150 milioni del famoso bando ma anche altri 64 milioni previsti per l'edilizia scolastica. Pare infatti che i soldi siano fermi a causa di un contenzioso tra Stato e Regione con la spada di Damocle della sentenza della Corte costituzionale sulla finanziaria 2016. Se dal Pd arrivano accuse di dilettantismo, la Lega non ci sta e rispedisce al mittente annunciando anche querele spiegando che non esiste alcuna norma che blocca i fondi.

Per onor di verità il decreto Milleproroghe in cui è contenuto il blocco dell’erogazione dei contributi del bando periferie è stato votato al Senato all’unanimità da Lega, 5Stelle, Forza Italia, Pd con nessun astenuto e nessun contrario.
11 agosto 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

TedxRovigo