MUSICA OCCHIOBELLO (ROVIGO) Primo album di Iarin Munari, artista polesano che ha collaborato con mostri sacri del panorama nazionale ed internazionale 

Debutto discografico dopo anni di collaborazioni internazionali

Baccaglini VW locator

Il lavoro è composto da nove composizioni con un ventaglio di sonorità molto ampio in cui Munari si esprime nella veste di polistrumentista, compositore e arrangiatore. “I’M” è il suo primo disco 


OCCHIOBELLO (RO) - “I’M” è il primo disco a nome di Iarin Munari, batterista, compositore e produttore rodigino che vanta collaborazioni con grandi artisti nazionali ed internazionali della scena pop, funk, soul e jazz: Stadio, Roberto Vecchioni, Paolo Belli, Nomadi, Tony Levin, Larry Ray, Ruggero Robin e Alexia sono solo alcuni degli artisti con cui ha collaborato. 

Il lavoro è composto da nove composizioni con un ventaglio di sonorità molto ampio in cui Munari si esprime nella veste di polistrumentista, compositore e arrangiatore. Il disco contiene cinque brani dal sound funk/jazz, nel quale Munari è accompagnato da un ensemble di musicisti di pregio come Alfonso Santimone (pianoforte), Daniele Santimone (chitarra), Nick Muneratti (basso) e con ospiti di  altrettanto prestigio come Piero Bittolo Bon (sax contralto, tenore, baritono), Enrico di Stefano (sax contralto) e Antonello Del Sordo (tromba). 

Nell’album c’è anche spazio per tre composizioni senza batteria, nelle quali Munari ha suonato chitarre acustiche, classiche, ukulele, pianoforte ed ha arrangiato un quartetto d’archi formato da Andrea Scaramella (violino), Francesco De Santi (violino), Laura Giaretta (viola), Maurizio Galvanelli (violoncello). Completa il tutto “Afrìta” (unione delle parole Africa e Italia), un omaggio al continente Africano dalle sonorità afro/etno/pop, cantato in linguaggio Nigeriano Igbò e con la partecipazione del percussionista Fabrizio Luca

Come indicato dal titolo stesso, si tratta di un disco molto personale:  “L’album rappresenta un viaggio all’interno della mia vita - spiega Munari, - Si parte dall’alba e si arriva al tramonto (“Sunrise” e “Sunset”). In mezzo c’è il vissuto: l’origine di tutto (“Afrìta”), gli addii (“Camilla” e “Towards That Light”) ed i momenti che ti travolgono come una grande onda di un mare impervio (“Fifth Wave”). Ma c’è anche spazio per le memorie felici (“Settimo”, “Chasing Butterflies”), e per i pensieri di speranza identificati nel crepuscolo (“Twilight”): quel momento magico che fa sembrare l’alba e il tramonto la stessa cosa. Ciò che finisce sta in realtà ricominciando. Una meravigliosa espressione della circolarità della vita” 

Con Iarin Munari (batteria, chitarra acustica, chitarra classica, darbouka, ukulele, piano, voce) anche Alfonso Santimone (tastiere, pianoforte acustico), Nick Muneratti (basso, basso fretless) , Daniele Santimone (chitarra elettrica, chitarra classica), Enrico di Stefano (sax contralto), Antonello del Sordo (tromba), Piero Bittolo Bon (sax baritono, tenore e contralto), Andrea Scaramella (violino), Francesco De Santi (violino), Laura Giaretta (viola), Maurizio Galvanelli (violoncello) e Fabrizio Luca (udu, shaker, maracas).

 

 

 

7 settembre 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

ebook baseball

La tua privacy per noi è importante!


Proseguendo nella navigazione acconsenti al trattamento dei dati essenziali per il funzionamento del servizio. Ti chiediamo inoltre il consenso per il trattamento esteso alla profilazione e per il trattamento tramite società terze.
Leggi di più Acconsento