MOTORI ADRIA (ROVIGO) Sulle strade di casa, di fronte al pubblico amico, il pilota della Ford Sierra Cosworth, punta a consolidare quanto di buono espresso, a fine Luglio, con la suo fianco il navigatore polesano

Rossi cerca la conferma al Città di Modena con l’adriese Hendel

Baccaglini VW locator

 Tante le certezze per Rossi, al via della quinta edizione del Historic Città di Modena, ma anche una gustosa novità: se la parte tecnica della Ford Sierra Cosworth rimane prerogativa del Garage Emilia Corse, della coppia Dondi e Bedoni, e l'equipaggio rimane fuori discussione, con l'adriese Handel confermato sul sedile di destra, ad arricchire il pacchetto sportivo arriva la chiamata di GDA Communication.


MODENA – È un Gabriele Rossi alla ricerca di conferme, quello che si appresta ad affrontare, dopo oltre dieci anni, l'appuntamento di casa.

Era il lontano 2007 quando il pilota di Modena, alla guida di una Renault Clio Williams di gruppo N, chiudeva al sesto posto tra le duemila del produzione.

Una lunga gestazione, per preparare al meglio il debutto tra le auto storiche, ha visto il nativo di Bastiglia rompere il ghiaccio nel migliore dei modi, in occasione del RAAB Historic di fine Luglio.

Al debutto nei rally storici Rossi, affiancato dall'adriese Fabrizio Handel, ha firmato il netto successo nel 4° raggruppamento, nonché della classe J2-A/>2000, oltre che autore il quarto posto nell'assoluta.

Una prima decisamente positiva che, però, non fa perdere lucidità al modenese, consapevole che il cammino per prendere confidenza con la potente trazione posteriore, di casa Ford, è ancora lungo.

“Il risultato del RAAB – racconta Rossi – si è rivelato tanto positivo quanto inaspettato. Siamo stati molto soddisfatti del passo che abbiamo espresso all'esordio. Aver potuto confrontarci con piloti di comprovata esperienza ci ha fornito ottimi spunti per continuare a lavorare in vista di Modena. I nostri sforzi si sono concentrati principalmente sull'aderenza al posteriore. Sullo stretto, al RAAB, faticavamo a scaricare potenza. Abbiamo quindi apportato delle modifiche al setup che, teoricamente, dovrebbero aiutarci qui a Modena. La gara di casa è sempre la gara di casa ma siamo consapevoli del fatto che dobbiamo fare molta esperienza, prima di poter provare a giocarcela con i migliori.”

La scuderia di Vignola ha deciso di appoggiare, per la gara di casa, il pilota di Modena, con la speranza in entrambe che il nuovo connubio possa portare gustosi frutti sulla pedana di arrivo.

“Speriamo di non deludere le aspettative – sottolinea Rossi – di GDA Communication. Sono di casa, con una scuderia di casa. Daremo il massimo per gratificare la loro fiducia.”

Il Città di Modena si rinnova profondamente per l'edizione 2018, con il quartier generale che si sposta nella patria dei motori, Maranello, e con un percorso ampiamente rivisitato: alla confermata “Montegibbio” (7,48 km) si aggiunge la rispolverata “Castelvetro” (8,00 km), da ripetere per due volte al Sabato mentre, alla Domenica, saranno protagoniste le due tornate sull'allungata “Barighelli” (12,05 km) e sulla rivisitata “Valle” (7,47 km). 

 

11 settembre 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

La tua privacy per noi è importante!


Proseguendo nella navigazione acconsenti al trattamento dei dati essenziali per il funzionamento del servizio. Ti chiediamo inoltre il consenso per il trattamento esteso alla profilazione e per il trattamento tramite società terze.
Leggi di più Acconsento