ACQUEVENETE ROVIGO Il progetto di ricerca messo a punto con l’università di Ferrara durerà un anno: la misurazione dei consumi sarà in tempo reale e a distanza 

Progetto pilota in Commenda con 500 contatori intelligenti

Baccaglini VW locator

Acquevenete metterà a disposizione un distretto della rete di distribuzione idrica di Rovigo, il quartiere della Commenda, per questa sperimentazione che coinvolgerà circa 500 utenze, con la posa in opera dei “contatori intelligenti”.


 

ROVIGO - Per 500 utenti della Commenda di Rovigo in arrivo i contatori intelligenti: permetteranno di misurare in tempo reale i consumi interni all’abitazione e controllare le perdite. Il progetto di Acquevenete, con Unife e Cfr, prevede la realizzazione di un impianto pilota, un vero e proprio “laboratorio di campo”. 

Finora, per la misurazione del consumo intrico all’interno delle abitazioni, ci si è sempre basati sulla rilevazione fatta a casa per casa dagli incaricati della lettura del contatore. La “rivoluzione” dello smart metering sta nel consentire un monitoraggio in tempo reale e a distanza, senza l’intervento del letturista. I contatori di nuova generazione installati all’esterno delle abitazioni invieranno le informazioni sul consumo al kit di ricezione interno alla casa sviluppato dai ricercatori del Dipartimento di Ingegneria dell’Università degli Studi di Ferrara. Le informazioni raccolte dal kit saranno poi trasmesse via internet a un server nel cloud, dove avverranno l’archiviazione dei dati e la loro elaborazione, per ottenere gli indicatori di consumo. 

È stato siglato in questi giorni l’accordo tra Acquevenete spa, il Dipartimento di Ingegneria dell’Università degli Studi di Ferrara e il Consorzio Futuro in Ricerca (Cfr) per sviluppare un progetto di ricerca sullo smart metering, ovvero la misurazione “intelligente” e in modo digitale dei consumi di acqua in un’area della città di Rovigo, la Commenda. 

L’iniziativa nasce da un progetto di ricerca coordinato da Unife, denominato Gst4Water, finanziato dal Por Fesr della Regione Emilia-Romagna, per il monitoraggio dei consumi idrici tramite sistemi Ict, già applicato ai gestori emiliani, che l’Università ha proposto di estendere anche in ambito polesano. L’accordo prevede una collaborazione tra i tre enti volta a fornire un quadro delle tecnologie di smart metering attualmente disponibili sul mercato e predisporre un prototipo per raccogliere i dati di consumo e caratterizzare le perdite idriche a livello sia di utenza che di distretto.

I dati saranno quindi immediatamente accessibili ad acquevenete, per monitorare l’andamento dei consumi, le eventuali perdite nella rete e avere un conteggio in tempo reale degli importi da fatturare, con la possibilità quindi di inviare una bolletta basata sui consumi e ettivi e non stime. Ai singoli utenti, inoltre, il dato in tempo reale permetterà di controllare giornalmente l’andamento dei propri consumi e accorgersi tempestivamente di eventuali perdite occulte, evitando quindi disagi e sprechi di acqua. 

Il progetto durerà indicativamente un anno e vedrà coinvolti diversi ricercatori e docenti del Dipartimento di Ingegneria dell’Ateneo estense, dei laboratori di ricerca del Tecnopolo di Ferrara, con competenze di ingegneria idraulica e Ict, oltre ai tecnici di acquevenete. 

“Siamo molto lieti di collaborare con una azienda quale acquevenete, che opera in un’ampia area del Veneto, da cui provengono anche molti nostri studenti e laureandi» commenta il prof. Marco Franchini, responsabile scientifico del progetto. «Sarà l’occasione per proseguire sul campo, ma in un altro territorio, la sperimentazione già avviata nel basso ferrarese negli ultimi due anni, e che ci ha portato a evidenziare perdite di acqua in tempo reale nelle case delle famiglie che hanno partecipato alla sperimentazione. Sono questi esempi di trasferimento tecnologico che giovano sia all’Università, che ha modo di ampliare il proprio ambito di attività, sia alle aziende che possono così innovare per diventare sempre più competitive”. 

13 settembre 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

Musikè Fondazione Cariparo 730x90 istituzionale - post evento

La tua privacy per noi è importante!


Proseguendo nella navigazione acconsenti al trattamento dei dati essenziali per il funzionamento del servizio. Ti chiediamo inoltre il consenso per il trattamento esteso alla profilazione e per il trattamento tramite società terze.
Leggi di più Acconsento