POLITICA ADRIA (ROVIGO) Polemiche sulle intenzioni del Comitato per la difesa dei servizi socio sanitari di creare un soggetto politico per le elezioni regionali 2020. Movimento 5 stelle: “Doveva essere imparziale invece è con la maggioranza di Palazzo Ta

“Il comitato prima rappresentava tutti ora solo qualcuno. Presidente dimettiti”

Musikè Fondazione Cariparo 730x90 istituzionale - post evento
“il tema della salute è stato strumentalizzato” il Movimento 5 stelle di Adria accusa il Comitato per la difesa dell’ospedale della città di essere parziale, adagiato sulla forza politica di maggioranza della città e di avere l’ambizione di presentarsi alle elezioni regionali 2020


ADRIA (RO) - Clima politico rovente ad Adria in questi giorni, legato soprattutto alle nuove idee del Comitato per la difesa dei servizi socio sanitari di Adria, nato un anno fa a difesa dell’ospedale, mettendo insieme trasversalmente cittadini ma anche componenti di forze politiche che si erano messe assieme con il patto di lasciare fuori il pensiero politico dall’attività del Comitato. L’obiettivo appunto era la sanità locale. “Invece, dopo un anno scopriamo che non è così” dice il Movimento 5 stelle della città.

"Le nostre critiche al Comitato per la difesa dei servizi socio sanitari di Adria, iniziarono a pochi giorni dalla sua costituzione. Fin da subito venne denunciata la strumentalizzazione, e aggiungiamo anche manipolazione, visto il metodo utilizzato per la nomina del direttivo, di questo importante strumento; troppo sbilanciato, a nostro avviso, a favore dell’attuale forza politica di maggioranza ora presente in consiglio comunale (è sufficiente osservare come tanti di loro appoggino apertamente la nuova amministrazione)… una strategia di vecchia data, dove altri comitati, con la scusa di essere apolitici, hanno fatto credere ai cittadini di essere interessati ai problemi di Adria … “ bene comune”, e tanti altri.
Un comitato dovrebbe essere un’arma vincente per influenzare le scelte politiche di una amministrazione, qualora riuscisse a distinguersi per la sua imparzialità ed equidistanza nei confronti di tutte le forze politiche.

E’ giusto invece prendere atto di come l’attuale Comitato che, inizialmente, aveva come obiettivo la difesa del nostro nosocomio e la tutela dei servizi socio sanitari, si sia di fatto trasformato, ad un anno dalla sua nascita, nel braccio operativo delle liste civiche che sostengono il sindaco Omar Barbierato; ma, quel che è peggio, è il fatto che stia auspicando, strumentalizzando in modo palese il tema della salute, la creazione di un nuovo soggetto politico pronto a presentarsi alle regionali del 2020, come dichiarato non troppo velatamente dall’attuale presidente del Comitato. Per questo motivo chiediamo apertamente al Presidente del Comitato, Enrico Naccari, di rassegnare le dimissioni dalla sua carica per garantire un direttivo guidato in modo imparziale da chi possa essere in grado di fare squadra con tutte le forze politiche e di qualsiasi colore, mantenendo la barra a dritta, ovvero diretta unicamente alla salvaguardia dei servizi sanitari di tutto il basso polesine”.
15 settembre 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

La tua privacy per noi è importante!


Proseguendo nella navigazione acconsenti al trattamento dei dati essenziali per il funzionamento del servizio. Ti chiediamo inoltre il consenso per il trattamento esteso alla profilazione e per il trattamento tramite società terze.
Leggi di più Acconsento