COMUNE OCCHIOBELLO (ROVIGO) Le istituzioni cittadine e le scuole hanno celebrato la fine del primo conflitto mondiale e il 67esimo anniversario dell’alluvione del 1951

Esattamente 67 anni il Polesine finiva sotto acqua 

DOMINA fuori tutto
L’occhiobellese Luciano Rovatti è stato la testimonianza vivente del 67esimo anniversario dell’alluvione del 1951 nella celebrazione tenutasi ad Occhiobello dove ha raccontato ciò che ha vissuto quando aveva 11 anni agli studenti delle scuole medie 

ROVIGO - La musica e le parole per ricordare i caduti della grande guerra e dell’alluvione in Polesine. Le istituzioni cittadine e le scuole hanno celebrato la fine del primo conflitto mondiale e il 67esimo anniversario dell’alluvione con le letture dei ragazzi di terza media e la testimonianza diretta di Luciano Rovatti, occhiobellese, che il 14 novembre 1951 aveva undici anni. 

La famiglia di Luciano Rovatti, allora residente in zona golenale, fece di tutto per aiutare le persone sfollate a salvarsi facendole salire su una piccola imbarcazione di proprietà.
“Dopo la guerra, l’alluvione fu il primo evento tragico del secolo scorso – ha detto il sindaco Chiarioni, durante la cerimonia a cui hanno partecipato anche gli studenti - il nostro territorio ricevette aiuti umanitari a livello nazionale e internazionale per l’emergenza e la ricostruzione e, da quel momento, il livello di sicurezza degli argini è stato tale da non dare più preoccupazione”.

La cerimonia si è svolta nelle due piazze del paese, a Occhiobello dove si trova l’epigrafe dei barcaioli di San Benedetto Po, i primi a soccorrere il Polesine, e a Santa Maria Maddalena in piazza Nerio Campioni, il sindaco in carica nel 1951. “La nostra toponomastica dal 2001 ricorda due personaggi storici che ebbero un ruolo decisivo quel 14 novembre – ha aggiunto il sindaco – il sindaco Nerio Campioni e don Aldo Rizzo furono protagonisti attivi nella salvezza della popolazione. Conserviamo nella nostra memoria gli eventi accaduti nella nostra terra e tutti coloro che hanno perso la vita o l’hanno rischiata per quella altrui”.

Gli studenti dell’indirizzo musicale hanno eseguito brani e alcuni studenti hanno letto poesie e versi dedicati ai caduti e all’alluvione. Alla cerimonia, coordinata dall’insegnante Sondra Coizzi, era presente la dirigente Elena Papa.
14 novembre 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

Strenne in Piazza Natale 2018

La tua privacy per noi è importante!


Proseguendo nella navigazione acconsenti al trattamento dei dati essenziali per il funzionamento del servizio. Ti chiediamo inoltre il consenso per il trattamento esteso alla profilazione e per il trattamento tramite società terze.
Leggi di più Acconsento